Innovazione e didattica digitale, al Carrara conclusi i percorsi formativi

Formatori di altissimo livello, i corsi si sono tenuti tutti online

Il 30 settembre scorso si sono conclusi i progetti di formazione docenti nell’ambito del Piano Nazionale scuola Digitale Azione#25, organizzati per conto del Ministero dell’istruzione dall’Iis Carrara-Nottolini-Busdraghi.

I due corsi hanno affrontato tematiche molto importanti per l’innovazione scolastica, primo tra tutti l’approccio Cbl Challenge Based Learning La sfida come metodologia didattica innovativa della scuola del futuro e il metodo Collaborative mapping lab dal titolo e-Cbl la didattica innovativa incontra il territorio.

Questi corsi, presentati a livello nazionale, hanno ricevuto moltissime candidature, tanto da rendere necessaria una selezione, che ha portato all’individuazione di 120 docenti provenienti da ogni regione d’Italia delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Al termine di questi due percorsi come premialità ai team risultati vincitori, è stato proposto un ulteriore corso Acquisizione e montaggio video nella didattica digitale.

Tutti i 3 percorsi formativi si sono svolti completamente in modalità on line, utilizzando piattaforme avanzate. I formatori selezionati per tutti i percorsi di formazione sono stati di altissimo livello. Ma le attività non sono ancora finite, sempre nell’ambito del Piano nazionale scuola digitale, l’Istituto Carrara-Nottolini-Busdraghi, si è aggiudicato un ulteriore bando finalizzato alla realizzazione di azioni di potenziamento delle competenze degli studenti attraverso metodologie didattiche innovative in attuazioni delle azioni #15 #17 #19 #20 #21 del Pnsd, che vedranno coinvolti studenti provenienti da ogni parti di Italia.

Questa attività prevede un percorso innovativo svolto in più fasi che si concluderà con un  Hackathon finale con oggetto della sfida La salvaguardia del germoplasma nell’era digitale. Sempre nell’ambito della didattica digitale in cui l’IIS Carrara-Nottolini-Busdraghi è sempre all’avanguardia, per il terzo anno consecutivo sarà impegnato per conto del Ministero dell’Istruzione nell’organizzare e presentare le varie fasi del Premio Scuola DIgitale per più province e per la finale Toscana.

Tutto questo è stato possibile grazie alle competenze specifiche nel settore dell’innovazione didattica di alcuni docenti e alla completa collaborazione del preside Massimo Fontanelli che ha, per un anno, guidato la nostra scuola. Per l’anno appena iniziato ci sono tutti i migliori auspici, in quanto la nuova dirigente Alessia Bechelli si è dimostrata entusiasta ed aperta alle innovazioni didattiche spronandone la continuazione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.