Nichilismo e malattia mentale, in streaming il convengo della fondazione Tobino

Si terrà venerdì (30 ottobre) a partire dalle 10

Venerdì (30 ottobre) alle 10 si terrà, in diretta Facebook sulla pagina della Fondazione Mario Tobino,  il convegno Nichilismo e malattia mentale: prospettive a confronto, organizzato dalla Fondazione Mario Tobino con il coordinamento scientifico e la moderazione di Riccardo Roni, docente universitario e presidente della sezione lucchese della Società Filosofica Italiana.

Il programma vede i seguente interventi: alle 10 l’apertura con i saluti della presidente della Fondazione Mario Tobino, Isabella Tobino e del coordinatore scientifico e moderatore Riccardo Roni; a seguire, fino alle 10,30, la lectio di Costantino Esposito (università di Bari) dal titolo Metamorfosi del nichilismo e riconfigurazione dell’umano tra natura e storia; dalle 10,30 alle 11 Tommaso Tuppini (università di Verona), La melanconia di Lucrezio; dalle 11 alle 12,30 Angelo Gemignani (università di Pisa), Coscienza, consapevolezza e salute: verso un approccio neurofenomenologico.

Il nichilismo non è soltanto un ideale teorico, che pure ha caratterizzato per lungo tempo la riflessione filosofica, ma soprattutto una dimensione esistenziale concreta che può riguardare ogni individuo, fino a culminare persino, nei casi più gravi, nella malattia mentale. Se dal punto di vista della riflessione filosofica, il nichilismo rivela il problema della cultura come ‘sintomo’, dalla prospettiva esistenziale questo fenomeno non corrisponde più al gesto titanico ed eroico, attivo, come accadeva ad esempio in Nietzsche che combatteva gli idoli, ma ad una dissoluzione dell’io, all’incapacità di agire, e dunque alla perdita del senso di una realtà più ampia che ci comprende. 

Come ha recentemente sottolineato il professor Costantino Esposito, ordinario di Storia della filosofia all’università di Bari: “Oggi il nichilismo coincide con l’affermazione di una passività esistenziale, ovvero con la perdita del gusto di vivere e con la disistima di sé. Non solo, il nichilismo fa emergere soprattutto un bisogno irriducibile, rendendo più vulnerabili, proprio in quanto coinvolge comunque l’esercizio della libertà. E’ per questo che la via d’uscita dal nichilismo non può essere un moralismo, bensì la riscoperta dei segni del reale, l’attenzione alla vita, osserva ancora Esposito”.

“Sulla base di questi assunti – conclude l’associazione Mario Tobino – ci troviamo a riconsiderare attentamente l’etica di Mario Tobino, laddove egli considerava ogni malato una creatura degna d’amore e di massima cura, facendo risaltare a sua volta la prospettiva dell’inclusione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.