Proseguono in streaming i concerti di Puccini e la sua Lucca Festival

La rabbia di Colombini: “Il bando Vivi Lucca ci ha ritenuti non idonei ma siamo la prima attrazione culturale della città"

Il Puccini e la sua Lucca Festival non si arrende nonostante – come si legge da una nota – “lo scarsissimo trattamento riservato dal Comune di Lucca, con il bando Vivi Lucca“. Il Festival aveva infatti presentato un grande progetto di manifestazioni che andava dal 29 novembre (data della morte di Giacomo Puccini) al 31 di gennaio: una grande operazione culturale con più di 70 concerti ad ingresso libero (opera e musica leggera nelle piazze di Lucca), con grandi interpreti professionisti ed un’organizzazione curata dall’unica manifestazione permanente al mondo dedicata alla figura del Maestro. Il progetto, tuttavia, è stato reputato “non idoneo” dalla Commissione che si è riunita per giudicarlo. 

Malgrado questo, il Festival resta l’unica manifestazione a proseguire intatta, mantenendo invariata la sua programmazione. I concerti continueranno a svolgersi senza pubblico presente in sala tutti i giovedì, venerdì e sabato nell’Oratorio di San Giuseppe (al Museo della Cattedrale) e verranno trasmessi in streaming sulla pagina Facebook del Puccini e la sua Lucca festival e su quella del suo presidente, Andrea Colombini (oggi uno degli influencer più seguiti di Lucca, con filmati che raggiungono decine di migliaia di visualizzazioni ogni giorno). Le performance saranno guidate come sempre dal maestro Diego Fiorini e coinvolgeranno tutti gli artisti del Festival.

“Abbiamo scelto la via dello streaming – commenta Colombini – anche se io sono sempre stato del tutto contrario, in quanto lo ritengo la morte della musica dal vivo, perché comunque si tratta di un’opportunità per poter dare lavoro a tanti cantanti che potranno così continuare ad esibirsi e a dimostrare la loro arte, guadagnando in un momento di difficoltà. Per tutto questo dobbiamo ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ed il suo presidente Marcello Bertocchini, per il supporto accordato al nostro Festival e per il fatto che ci dà la possibilità di svolgere la nostra attività invernale. Grazie alla Fondazione Crl potremo rivolgere una grande proposta culturale ad un vastissimo pubblico – decine di migliaia gli utenti potenziali – che potrà continuare a seguire i concerti ogni giovedì, venerdì e sabato dalle ore 15 alle 16. Chiederemo anche all’Ente di San Micheletto di condividere i nostri streaming, per raggiungere una diffusione ancora maggiore”.

Forti ringraziamenti vanno anche all’indirizzo dell’Opera del Duomo Onlus (che supporta il Festival e concede l’uso dell’Oratorio di San Giuseppe), alla Pro – Music di Marco Banti (che si è messa a disposizione per la realizzazione integrale di tutto lo streaming online che verrà prodotto), all’orchestra Filarmonica di Lucca ed a tutti gli sponsor del Puccini e la sua Lucca. Un gioco di squadra che consentirà di garantire una presenza pucciniana virtuale: “La speranza – dichiara Colombini – è che quella presenza possa di nuovo trasformarsi in fisica non appena il lockdown sarà terminato. I concerti dal vivo, infatti, riprenderanno non appena sarà possibile tutti i giovedì, venerdì e sabato”.

Nel frattempo è stata lanciata anche una campagna a livello internazionale con tutti i tour operator che collaborano con il Festival, in modo da diffondere tutti i film dei concerti, in modo da creare un ulteriore grande incentivo per i turisti a tornare a Lucca e godere di quello che il Festival è riuscito a fare nell’arco degli ultimi 18 anni. “Anche se qualcuno ci ritiene non idonei – conclude Colombini – e all’interno dei documenti ufficiali del Bando Vivi Lucca sbaglia clamorosamente ed in modo offensivo a scrivere il nostro nome, sappiamo comunque di essere la prima attrazione culturale della città: lo dimostrano i numeri, i fatti, che hanno sempre avuto un peso specifico molto superiore alle parole. A giugno – ricorda – siamo stati la prima manifestazione a ripartire in Italia, con un un largo successo. Riprenderemo così appena possibile, perché questa è la forza espressa dal Festival e dalla città di Lucca, all’interno della quale incarniamo la figura di Giacomo Puccini con il nostro umile lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.