Torna la notte europea dei ricercatori: eventi in streaming con Imt Lucca

Crescita, salute e fiducia le parole chiave dell'edizione 2020 dell'evento regionale

L’appuntamento è per il 27 novembre, quando andrà in scena il denso programma del Bright-Night 2020,  la Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori, la manifestazione nata nel 2005 per iniziativa della Commissione UE che mette in contatto i cittadini con la scienza.

L’edizione dell’anno della pandemia, una maratona on line sul sito: www.bright-night.it,  è stata presentata in sala Pegaso dall’assessora con delega a università e ricerca, Alessandra Nardini, che ha guidato la diretta audio video con il rettore dell’università di Firenze, Luigi Dei e, in remoto, la rete di università e istituti di ricerca al top nella nostra regione che costituiscono le connessioni di Bright-Night in Toscana.

In primo piano le parole chiave “crescita, salute, fiducia” come vuole l’acronimo “Brilliant Researchers Impact on Growth Health and Trust in research” (Bright, appunto) accanto a “la fiducia e l’impegno della Regione Toscana” richiamati da Bernard Dika, consigliere per le politiche giovanili del presidente Eugenio Giani, di cui ha portato i saluti.

Parole chiave anche secondo Nardini: “Fatico a pensare a un momento recente in cui noi, come comunità, abbiamo sentito più di ora bisogno di crescita, salute e fiducia”.

L’assessora aggiunge poi: “Oggi gli occhi del mondo intero sono rivolti alla scienza. Tuttavia assistiamo anche a tentativi sistematici di minare l’oggettività scientifica e la credibilità stessa del metodo scientifico. La scienza va protetta dall’anti-scienza. Proprio la recente pandemia ci ha dato prova dei rischi e delle potenziali tragiche conseguenze di questo aspetto. Diffondere il valore del ruolo della scienza nelle nostre società e del rigore del metodo scientifico è dunque quantomai importante.”

“Bright Night – prosegue – è un occasione per ricordare il rilevante impatto del lavoro delle ricercatrici e dei ricercatori sullo sviluppo sella società, facendo così aumentare la fiducia nella ricerca. Scienza e ricerca sono strumenti primari nel contrasto alle disuguaglianze sociali, sanitarie, di accessibilità ai servizi, di partecipazione alla vita delle nostre società”.

“Inoltre – dice ancora – c’è il necessario cambio di rotta nella lotta ai cambiamenti climatici: oggi abbiamo finalmente capito che non può esserci sviluppo reale che non sia anche sostenibile. La scienza, da questo punto di vista, ha il compito storico di offrire orizzonti sostenibili per la sopravvivenza del pianeta in molteplici ambiti delle nostre società, dai processi industriali, alle risorse energetiche, fino alla mobilità.”

Infine l’assessora conclude con un auspicio: “Mi auguro che i nostri giovani sentano questa ‘chiamata alla scienza’, come una grandissima occasione non solo di aprire le proprie menti e sviluppare competenze straordinarie, ma anche di contribuire in modo determinante al futuro della terra e dell’umanità.”

Come ricordato dal rettore Dei “i temi al centro dell’evento toccheranno praticamente tutti i campi della scienza e della cultura, ma in particolare quello della sostenibilità sociale e ambientale in riferimento all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e al 20esimo anniversario della Carta europea dei diritti”.  “La ricerca – dice il rettore – è fatta per oltrepassare i limiti e mai come quest’anno la manifestazione raccoglie la sfida, anche nella forma che assume l’appuntamento dei cittadini con la scienza, con un’edizione tutta digitale. E una delle chiavi per superare insieme questo periodo di emergenza, drammatica e globale, è proprio la passione e la determinazione con la quale le ricercatrici e i ricercatori si impegnano quotidianamente per trovare le soluzioni che serviranno per costruire un mondo migliore”.

Sono intervenuti questa mattina, in remoto, Lisandro Benedetti Cecchi, prorettore per la ricerca dell’Università di Pisa, Tarcisio Lancioni, delegato alla comunicazione dell’università di Siena, Alessandra Giannotti, delegata alla terza missione dell’università per stranieri di Siena, Mariagrazia Alabrese, delegata rettrice della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Marco Paggi, delegato alla ricerca della Scuola Imt Alti Studi Lucca, Vincenzo Longo, responsabile della unità operativa dell’Ibba-Cnr di Pisa, Carlo Meletti, direttore della sezione di Pisa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Il team è composto inoltre dalla Scuola normale superiore e coinvolge, fra gli altri enti di ricerca, anche l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e importanti istituzioni culturali sul territorio.

La manifestazione avrà il suo cuore venerdì 27 novembre, ma si estenderà anche a sabato e ai giorni precedenti.

L’evento a Lucca

Online. Ovunque è lo slogan della Scuola Imt Alti Studi Lucca per un’edizione di Bright-Night tutta digitale per forza di cose, ma poco importa purché la ricerca continui a brillare. Un motto fiducioso per dire ancora una volta che “ovunque” sono anche la ricerca e i suoi temi, vicini a tutti, disseminati qua e là nell’esperienza e nelle azioni della nostra vita quotidiana più di quanto si possa pensare.

Ecco perché in occasione di Bright-Night 2020, la Scuola Imt lancia la Biblioteca dei ricercatori, la scienza raccontata facile (sul sito bright-night.it). Un progetto di video interviste per il web in cui professori, dottorandi e ricercatori descrivono gli affascinanti temi della loro ricerca parlando a ciascuno di noi, appassionati ma non esperti, curiosi ma abituati a pensare che la scienza abiti chissà dove. Dallo studio delle ceramiche antiche all’indagine sul sonno alla tutela dei beni culturali, i progetti dei ricercatori Imt esplorati in tre domande guida per racconti semplici e illuminanti. Un’iniziativa pensatadi alcuni mesi e che andrà avanti sui canali social della Scuola Imt anche oltre la Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori.

Dalle video interviste alle conferenze in streaming (tutte in diretta sul canale YouTube e sulla pagina fb della Scuola), dalle visite virtuali ai laboratori e ai giochi online con un occhio rivolto ai più giovani, come da tradizione della scuola: il canovaccio digitale della notte del 27 novembre accompagna fino all’indomani, sabato, seguendo le cinque aree tematiche principali di quest’anno: Un mondo migliore per tutti!, Sosteniamo il pianeta, Per una comunità sostenibile, Futuri-amo e Ricerca… in salute! 

Scarica qui il programma completo degli eventi di Imt Lucca per la Bright Night

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.