Mobili in legno fai-da-te: guida ai primi passi

Più informazioni su

Per far sì che un mobile in legno duri per tanto tempo, è necessario, prima di tutto, impermeabilizzarlo, ovvero realizzare una membrana per impedire il passaggio dell’acqua.
Ecco gli strumenti necessari per ottenere un’ottima impermeabilizzazione:

· l’impregnante, che può essere l’olio di lino, di noci o di tung, una vernice impregnante a base acquosa oppure una vernice a base oleosa;

· degli stracci, dei pennelli o uno spruzzatore;

· della carta vetrata;

· della lana d’acciaio.

Tutto questo materiale si può trovare in un ingrosso ferramenta online. I prodotti per la protezione del legno sono efficienti, sicuri e hanno poco impatto sull’ambiente. Le più comuni alterazioni del legno sono dovute all’azione degli insetti xilofagi, esseri che estraggono dal legno il loro nutrimento; per contrastare questi parassiti, si può ricorrere a un preservante in grado di eliminare quelli già presenti nel legno.

Per il legno da esterni è bene usare un impregnante idrorepellente.
Per trattare l’arredamento in legno che si trova dentro le abitazioni, si può ricorrere a un prodotto a base di olio di lino, ma attenzione: è una sostanza tossica, quindi è meglio evitare di utilizzarlo su delle superfici che verranno a contatto con gli alimenti.

Come impermeabilizzare il legno

In base al tipo di legno che si deve curare, esistono dei trattamenti differenti:

· i mobili che si trovano nelle case non dovranno essere preservati dall’umidità, ma dovranno essere protetti dai tarli;

· il legno da esterno, al contrario, dovrà essere resistente alle piogge e ai raggi UV; per quest’ultimo vengono utilizzate delle vernici a base d’acqua, sia perché hanno un minor peso economico, sia perché hanno poco impatto sull’ambiente;

· se si tratta di un mobile nuovo, prima di impermeabilizzarlo è bene levigare con cura la superficie e togliere la polvere che si è eventualmente depositata su di essa;

· nel caso in cui il legno da curare presentasse dei tarli, è necessario utilizzare uno specifico prodotto volto a chiudere i fori causati dagli insetti, per poi applicare uno strato di impregnante.

Impermeabilizzare con l’olio

Per ottenere un trattamento più efficace, si può mescolare l’olio con la trementina e con l’aceto di mele. Prima di applicare la miscela, è necessario eliminare le imperfezioni della superficie di legno con della carta vetrata: ciò farà sì che il legno assorba una maggiore quantità di olio.

Dopo aver pulito la superficie, si intinge un panno con la miscela preparata in precedenza e si inizia a stendere un primo strato sul legno; non toccare fino a completa asciugatura.
Il legno va levigato con della lana di acciaio extra-fine e, successivamente, si applica la miscela per altre due volte, lasciando asciugare per un paio di giorni.

Impermeabilizzare con una vernice a base d’acqua

È consigliabile utilizzare una vernice a base d’acqua sul legno che è stato già trattato in precedenza.
Per prima cosa, preparare la superficie levigandola con della carta vetrata, e procedere applicando il primo strato di impregnante con un pennello o uno spruzzatore.
Lasciare asciugare dalle 4 alle 10 ore: i tempi sono decisamente più brevi rispetto a quando si utilizza la miscela d’olio.

Prima di procedere con la seconda passata, levigare la superficie con della lana di acciaio.
Effettuare altre due passate, dopodiché attendere diversi giorni per permettere al legno di asciugarsi.

Impermeabilizzare il legno con una vernice a base oleosa

Preparare il legno utilizzando della carta vetrata, per poi pulire la superficie in modo da eliminare i residui. Applicare una prima passata e, una volta asciutto, levigare il legno con della carta vetrata. Infine, vanno effettuate ancora due passate e attendere qualche giorno, per far sì che la superficie si asciughi.

Realizzare dei mobili fai da te con i pallet

Una volta che ci si è occupati di preparare il legno per l’esterno, ci si potrà dedicare con piacere alla realizzazione di piccoli mobili da esterno anche ricavati da riciclo di pallet. Vediamo un paio di semplici idee:

Tavolino con i pallet

Per realizzare un tavolino coi pallet occorreranno:

· tre pallet;

· un martello;

· una sega;

· un trapano;

· dei chiodi, dei bulloni, delle viti;

· della vernice;

· della carta vetrata.

Il primo pallet servirà per creare la parte superiore del tavolino; il piano sarà invece realizzato con le assi superiori del secondo pallet.
Posizionare le assi che sono state precedentemente tolte dal secondo pallet sulla struttura del primo, per poi fissare il tutto con delle viti.

Levigare attentamente tutta la superficie con la carta vetrata. Pitturare tutte le parti della struttura che è stata realizzata con della vernice apposita per il legno.
Con il terzo pallet, verrà realizzato il sostegno del tavolino: è necessario prendere solo la parte inferiore, per poi unirla alla struttura superiore con l’aiuto di alcuni chiodi.

Poltrona con i pallet

Per realizzare una poltronacoi pallet occorreranno:

· due o tre pallet, in base all’altezza che si vuole ottenere;

· carta vetrata;

· viti;

· trapano avvitatore;

· pennello;

· impregnante;

· quattro ruote girevoli;

· una punta da legno.

Iniziare levigando con cura i pallet e togliendo gli eventuali chiodi sporgenti; passare uno strato di impregnante in modo che il legno duri nel tempo.
Capovolgere il primo pallet e posizionarne un altro di sopra. Dopodiché, far passare le viti tra un asse e l’altro e capovolgere tutto. Se si vogliono costruire delle poltrone mobili, si possono fissare delle ruote alle quattro estremità dei pallet.

Per creare lo schienale, prendere il terzo pallet e posizionarlo dietro utilizzando un rialzo; avvitare lo schienale alla seduta con la punta da legno; ora si può iniziare ad impregnarlo.
Sulle poltrone, una volta asciutte, possono essere posizionati dei cuscini o dei materassini in modo da renderle il più comode possibile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.