Istituto Boccherini, al via online la dodicesima edizione di ‘Open’ foto

Domani (9 aprile) il primo appuntamento in diretta sul canale YouTube dell’istituto il concerto del pianista Matteo Cardelli

L’edizione 2021 di Open sarà un’edizione a metà. Nonostante le incertezze però partiranno domani (9 aprile) i primi concerti online della stagione di concerti, conferenze ed eventi organizzati dall’Istituto di studi musicali Boccherini con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio e della Fondazione Banca del monte.

A dare il via alla dodicesima edizione sarà la diretta streaming sul canale YouTube dell’istituto con il pianista Matteo Cardelli e la musica di Mozart, Beethoven, Schubert. Una modalità diversa dal passato, ma già rodata con i concerti di inizio anno e con la quale il conservatorio lucchese vuole andare incontro a tutti coloro che, orfani da oltre un anno di musica dal vivo, vogliono comunque godere di una serie di appuntamenti di qualità. Protagonisti saranno come sempre giovani interpreti e musicisti affermati. Nei prossimi mesi, se le condizioni lo permetteranno, l’istituto è comunque pronto a riprendere con gli eventi dal vivo nel rispetto delle misure di sicurezza.

“Sono lieta di poter annunciare l’avvio della stagione Open, nonostante la situazione ancora difficile – dice la presidente dell’istituto Maria Talarico –. Il mio ringraziamento va ai docenti, che hanno contribuito con le loro idee e i loro progetti, allo staff, che ha saputo adattarsi alle contingenze e ha saputo organizzare la stagione in base alle esigenze dettate dal Covid19, e infine a Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Fondazione Banca del Monte di Lucca, che non ci hanno fatto mancare il loro supporto”.

“Vogliamo dare un segnale di speranza – dice il direttore Fabrizio Papi –. Siamo di nuovo in zona rossa, ma il Boccherini non si arrende ed è con la sua stagione storica, Open appunto, che guarda con fiducia a un futuro che ci vedrà, speriamo quanto prima, di nuovo insieme nelle sale, senza timori».

“L’Istituto Boccherini è il cuore della didattica musicale di Lucca e uno dei principali centri della produzione culturale della nostra città – commenta il sindaco Alessandro Tambellini -. La partenza della stagione concertistica Open, anche se sui canali internet, rappresenta un’occasione di svago e arricchimento e ci mostra la qualità del lavoro svolto da studenti e insegnanti a confronto con interpreti internazionali e con il desiderio sempre più forte di tornare presto a godere della musica dal vivo”.

Un centinaio gli appuntamenti in programma, che includono concerti, masterclass, seminari, laboratori e iniziative speciali. I filoni principali della stagione Open saranno tracciati come sempre dai festival dedicati a chitarra (Guitar Festival), pianoforte (Open Piano) e contrabbasso (Bass Festival). Tra gli eventi in programma ad aprile e maggio troviamo la maratona del Guitar Festival dedicata all’inglese Julian Bream, venuto a mancare nel 2020 all’età di 87 anni e considerato unanimemente uno dei più grandi chitarristi classici del ventesimo secolo, certamente il migliore nella storia della Gran Bretagna.

Ci sarà poi il concerto con il liuto e la chitarra barocca di Massimo Lombardi, quello con il chitarrista italiano Christian Saggese (27 aprile), i concerti dei virtuosi del contrabbasso Thierry Barbé (23 aprile) e Dominic Dudley (20 maggio); l’iniziativa L’altro Piazzolla – musiche per le immagini, con il flautista Filippo Rogai e il pianista Fabrizio Datteri (25 aprile); il concerto dell’orchestra Boccherini nell’ambito del Dance Meeting 2021. Dopo la pausa estiva e l’appuntamento con Open Gold-Festival Boccherini a settembre, gli appuntamenti della stagione Open torneranno a ottobre, per concludersi poco prima dell’inaugurazione del nuovo anno accademico. Per dettagli su tutte le iniziative e gli eventi di Open 2021 è possibile visitare il sito www.boccherini.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.