Quantcast

Lucca Summer Festival, dieci concerti a settembre sugli spalti. D’Alessandro ci crede: ecco il piano

Ingressi scaglionati e deflusso regolato in corridoi differenziati per evitare gli assembramenti. Il promoter: "Noi siamo pronti"

Dieci concerti a settembre, nell’arena dell’ex campo Balilla con una capienza massima di 6mila spettatori per ciascuna data, e un sistema di accessi cadenzati e per regolare il deflusso dall’area evitando gli assembramenti.

E’ il piano di Mimmo D’Alessandro per realizzare l’edizione 2021. Una sfida titanica, se si guardano alle spalle i lunghi mesi di pandemia e confinamento, ma sono stati mesi fruttuosi per gli organizzatori del Summer Festival, che hanno messo a punto, in ogni suo dettaglio, un articolato progetto per godersi una serie di concerti in assoluta sicurezza nel rispetto delle regole contro il contagio da coronavirus.

“La parola d’ordine è responsabilità e noi siamo responsabili – afferma Mimmo D’Alessandro – ed è per questo che siamo in grado di dire di poter assicurare una manifestazione in completa sicurezza”. Il Comune è dalla sua parte, il contatto con altri festival e gli organi nazionali è strettissimo.

Lucca Summer Festival, spiragli per i concerti sugli spalti. Ragghianti: “Se saranno consentiti, li sosterremo con ogni sforzo”

“Noi siamo pronti a proporre un programma di dieci date per quest’anno, ma pensiamo già in grande per il 2022, quella, ci auguriamo, sarà davvero un’edizione straordinaria con tantissimi artisti internazionali. Però a settembre bisogna ripartire: sarà la prova del nove. Lo abbiamo dimostrato e lo dimostreremo anche stavolta: siamo un Festival affidabile e soprattutto sicuro”.

L’idea è quella di allestire all’ex campo Balilla un’area con 6mila posti a sede, predisponendo settori anche per le famiglie. Un’area cui si accederà attraverso un biglietto speciale, con cui sarà indicato anche l’orario di ingresso diversificato, in modo da scaglionare l’afflusso ai cancelli, evitando gli assembramenti. Stesso discorso per il termine dei concerti: il deflusso avverrà attraverso una serie di corridoi differenziati in cui saranno dirottati gli spettatori una volta che sarà concluso il concerto.

Dopo numerosi incontri in Comune, ora D’Alessandro attende di avere un via ufficiale. Deadline per allestire l’area è maggio: “Vediamo che c’è la volontà, che c’è piena condivisione e dialogo”, commenta D’Alessandro.

Gli artisti saranno soltanto italiani, almeno per quest’anno (anche se si sta valutando la possibilità di inserire qualche ospite straniero). Sembra certa una serata con Paolo Conte e l’organizzazione ha invitato De Gregori, Baglioni, Zucchero e Venditti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.