Quantcast

Lucca Art Fair, oltre 5600 visitatori collegati per la Digital art weeks foto

Il curatore della manifestazione digitale: "Questo ci spinge a continuare un'esperienza che si andrà a integrare alla sesta edizione in presenza nel 2022"

Si è conclusa domenica (6 giugno) la Digital art weeks della Lucca Art Fair, la manifestazione di arte contemporanea che per dieci giorni ha realizzato talk, collezioni, progetti curatoriali che hanno affiancato la parte espositiva. Il tutto al cento per cento online.

La nuova piattaforma Toe Art Market, dedicata al mercato dell’arte, ha fatto infatti da supporto alla fiera digitale dopo lo spostamento al 2022 della rassegna fisica, a causa delle restrizioni causate dalla pandemia, e ha ospitato in tutto 5639 visitatori collegati in rete da 70 Paesi, di cui il 86% Italia e Europa e il restante 14% provenienti da Asia e Americhe.

Trenta le gallerie che hanno partecipato con stand virtuali, quattro i curatori che hanno presentato le loro visioni di collezione; un progetto espositivo, Art Tracker a cura di CampoBase, dedicato alla giovane arte emergente e realizzato in collaborazione con il Premio Combat; una decina di interviste condotte da Arianna Baldoni e Bianca Trevisan trasmesse sui social della fiera e oltre mille opere esposte online.

“Siamo soddisfatti – ha commentato Paolo Batoni – l’esito della fiera digitale non era affatto scontato, essendo la prima edizione. Invece, il grande numero di visitatori online, più di 5600, ci spinge a continuare questa esperienza che si andrà ad integrare alla sesta edizione in presenza di Lucca Art Fair 2022, in programma a maggio nella nuova sede del Real Collegio, all’interno delle mura di Lucca. Nel frattempo il percorso espositivo virtuale delle gallerie continuerà ancora nei prossimi mesi sulla piattaforma Toe Art Market con diversi appuntamenti che potenzieranno l’idea di esperienza a 360 gradi che vogliamo portare avanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.