Quantcast

“Uno Fontana”, inaugura la mostra da visitare da soli

Taglio del nastro alla chiesa di S. Cristoforo per l'opera unica nell'ambito del festival Dillo in sintesi

Si intitola Uno Fontana – La sintesi del gesto la mostra che accompagna la sesta edizione del Festival della sintesi. Una mostra sui generis, perfettamente intonata allo spirito della manifestazione nata intorno al concetto di “brevità intelligente”. Una sola, infatti, è l’opera esposta, un solo visitatore alla volta ammesso a visitarla e un minuto di tempo per goderne la visione. L’opera in questione è Concetto Spaziale, 1963-64, buchi e lustrini su carta salmone, cm 69×57, N. 1681/2 di Lucio Fontana, proveniente da una collezione privata. L’inaugurazione è in programma domani (24 luglio) alle 12 nella chiesa di San Cristoforo, sede principale del Festival. Al taglio del nastro saranno presenti l’ideatore della manifestazione, Alessandro Sesti, il direttore della Fondazione Ragghianti, Paolo Bolpagni, la curatrice Arianna Baldoni e i rappresentanti dei vari enti che collaborano e sostengono la manifestazione.

Realizzata con la prestigiosa partnership della Fondazione Centro studi sull’arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, con la supervisione e i testi a cura della giovane critica d’arte Arianna Baldoni, la mostra nasce dall’opportunità di offrire al pubblico un’opera che ben rappresenta la sintesi nell’arte. Nella brevità di gesti come tagliare o bucare la tela, Lucio Fontana esprime il superamento della creatività così come era concepita e ammessa fino agli anni Quaranta del Novecento e apre a quel movimento che prende il nome di Spazialismo. «Il superamento della pittura, della scultura, della poesia e della musica. È necessaria un’arte maggiore […]. Concepiamo la sintesi come una somma di elementi fisici: colore, suono, movimento, tempo, spazio, la quale integri una unità fisico-psichica», ebbe modo di affermare Fontana nel 1946.

L’esposizione è pensata come un percorso in sette tappe che accompagna il visitatore a scoprire e comprendere l’opera, installata nell’abside di San Cristoforo. Oltre ai pannelli descrittivi, tra i quali c’è anche un testo a firma di Paolo Bolpagni, a guidare il pubblico sarà la musica composta da Gianmarco Caselli, con il pianoforte suonato da Francesco Cipriano e lo stesso Caselli all’elettronica. La sonorizzazione fa parte del nuovo lavoro discografico di Caselli, Acid Ambient Zone, edito dall’etichetta Ema Vinci Records di Firenze.

La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 31 luglio, con orario 10 – 13, 16:30 – 19. Ingresso libero e gratuito.

Promosso dall’associazione Dillo in sintesi con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Comune di Lucca e Lucca Promos, il Festival della sintesi è l’unica manifestazione italiana dedicata alla brevità. La sesta edizione della kermesse propone undici appuntamenti, a partire da lunedì 26 fino a sabato 31 luglio. Il programma completo su www.dilloinsintesi.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.