Quantcast

Lucca film festival, in San Cristoforo il ‘red carpet’ di Pier Toffoletti foto video

La mostra si intitola "Stars and frames" e sarà visitabile fino al 20 ottobre

Aprirà al pubblico domani (25 settembre), nella chiesa di San Cristoforo in via Fillungo, Stars and frames, mostra personale di Pier Toffoletti curata da Riccardo Ferrucci.

piero toffoletti lffec

Realizzata in occasione dell’edizione 2021 del Lucca film festival ed Europa cinema in calendario dal 1 al 10 ottobre, l’esposizione è organizzata e sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e ha il patrocinio del Comune di Lucca e della Regione Toscana, con il sostegno di Societe Generale (aperta fino al 20 ottobre).

Stars and frames rientra nella ricca proposta degli eventi collaterali della kermesse lucchese dedicata alla settima arte. Accompagnata da una prestigiosa iniziativa editoriale, che vede, tra gli altri, anche un contributo dello storico dell’arte Alessandro Romanini, la mostra sarà costituita da oltre venti tele, tutte di grandi dimensioni, suddivise in due sezioni: la prima dedicata ai volti delle celebrità del grande schermo, la seconda ai frames, ovvero ai fermi immagine estrapolati da pellicole indimenticabili. Il visitatore potrà catapultarsi in un ideale red carpet e passeggiare al fianco delle grandi star di Hollywood e non solo.

Di origine friulana, Toffoletti è oggi un artista maturo e affermato. Nel suo lavoro utilizza le tecniche più varie: dalla fotografia all’affresco, dal disegno al video ma la pittura è l’espressione a lui più congeniale. “La sua opera – come scrive Riccardo Ferrucci – è una ricerca del bello che diventa necessità vitale, mai facile compiacimento e le sue donne sono volti e corpi che sembrano provenire dal passato, da lontano, da un luogo esoterico che ci appartiene e commuove”.

Lucca film festival e Europa cinema con Casa d’arte San Lorenzo sono i promotori e organizzatori dell’evento. Si segnala inoltre la collaborazione con il Cra (Centro raccolta arte di San Miniato) e il supporto di FuoriLuogo. L’ingresso è gratuito ed è consentito previa esibizione di certificato verde nel rispetto delle normative anti-Covid. La mostra è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10,30 alle 13 e dalle 16 alle 19,30.

L’autore

Pier Toffoletti nasce nel 1957 in provincia di Udine. La sua passione per la pittura è molto precoce. Nel 1976 consegue il diploma di maestro in arte applicata nel ramo di grafica pubblicitaria e fotografia al liceo artistico di Udine. Nel 1979 apre uno studio pubblicitario operando come creativo in campagne pubblicitarie e come regista di spot televisivi e video clip. Collabora con emittenti televisive nazionali e locali realizzando diversi cortometraggi in cartoni animati e video clip. Fino al 1995 Toffoletti dipinge nei ritagli di tempo, alternando questa sua passione a quella della speleologia. Tra il ’92 ed il ’95, una serie di viaggi nel centro e sud America, segnano l’inizio di un importante cambiamento che lo porta ad impegnarsi a tempo pieno nella pittura. Da allora il suo percorso artistico ha visto una continua escalation di successi, di consensi di critica e di pubblico.

Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali, tra cui: nel 2007, a Verona al Palazzo della Gran Guardia; nel 2008 al Museo Correr di Venezia nella sala della Biblioteca Marciana, al Palazzo Senato a Milano e ad Open XI al Lido di Venezia; nel 2011 ha esposto alla 54esima Biennale di Venezia con anche una personale al Palazzo Molino Stucky; nel 2012 ha esposto ad Art Basel Miami; nel 2013, alla Casa Museo Spazio Tadini a Milano; nel 2015, a Palazzo dei Giureconsulti circuito Milano Expo; nel 2016, al Red Dot Miami nel circuito Art Basel; nel 2017, nella Chiesa di San Domenico a San Miniato, Pisa; nel 2018, al Municipio di Stoccarda; nel 2019, al Pan, Palazzo delle arti di Napoli; nel 2020, nella Chiesa di Santa Maria della Spina, a Pisa; nel 2021 espone alla 17esima Biennale di Architettura a Venezia, all’interno del progetto Senza terra- Pomerio, personale in Portogallo al Centrum Sete Sois Sete Luas.

Numerose anche le sue partecipazioni ad importanti Fiere internazionali d’arte, tra cui Madrid e New York, nonché a Yokohama, Las Vegas, Philadelphia, Innsbruck, Strasburgo e sue opere si trovano presso Enti pubblici e collezionisti privati in Austria, Belgio, Croazia, Germania, Giappone, Francia, Lussemburgo, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Ucraina, Stati Uniti d’America.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.