Quantcast

Fondazione Ragghianti, convegno internazionale di paleostoria a Firenze e Lucca

Alla rassegna è collegata una mostra virtuale visibile dal 30 settembre sui siti internet dell'istituzione e del museo fiorentino di preistoria

La Fondazione Centro studi sull’arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti di Lucca e il Museo e Istituto fiorentino di preistoria, in occasione del quarantennale del libro di Carlo Ludovico Ragghianti L’uomo cosciente. Arte e conoscenza nella paleostoria, pubblicato nel 1981 dall’editore Calderini di Bologna, celebrano la ricorrenza con un convegno internazionale: L’uomo cosciente e l’arte delle origini: con e dopo Carlo Ludovico Ragghianti.

Il convegno, a cura di Tommaso Casini, Annamaria Ducci e Fabio Martini, con la collaborazione di Valentina Bartalesi, è in programma dal 30 settembre al 2 ottobre 2021 nelle sedi di Firenze (Museo e istituto fiorentino di preistoria, 30 settembre) e di Lucca (Fondazione Ragghianti, 1 e 2 ottobre). Al convegno è collegata una mostra virtuale dal titolo Paolo Graziosi e Carlo Ludovico Ragghianti. Riflessioni, dialoghi ed eredità sull’arte delle origini, visibile dal 30 settembre sui siti internet delle due istituzioni: https://www.fondazioneragghianti.it/ e https://www.museofiorentinopreistoria.it/it.

L’iniziativa avvia un programma di attività celebrative del quarantennale del Centro studi Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, che fu inaugurato a Lucca il 27 settembre 1981.

Frutto di una gestazione ventennale, e quasi testamento critico del grande studioso lucchese, la monumentale monografia L’uomo cosciente si rivela nevralgica sia per l’innovativa analisi dell’arte preistorica, sia per la volontà di riscattare quel tempo remoto che Carlo Ludovico Ragghianti definiva non “preistoria”, ma “paleostoria”, storia degli “uomini primi”. Nonostante l’originalità che rivestì nel panorama culturale italiano dei primi anni Ottanta, quel volume non ricevette un adeguato riconoscimento. Da tale considerazione è nata l’idea di organizzare un convegno internazionale che possa accendere un riflettore sulla figura di Ragghianti e su questo suo “opus magnum”, ma che abbia anche l’ambizione di attualizzarne l’eredità, sviluppandone le intuizioni in una prospettiva interdisciplinare.

Importante, per Ragghianti, fu l’incontro con Paolo Graziosi, antropologo e paletnologo dell’università di Firenze, a quel tempo considerato tra i massimi studiosi della cultura visuale delle origini. Nel convegno in programma saranno presentate le più recenti acquisizioni degli studi sull’arte delle origini, l’estetica evoluzionista e le neuroscienze. Inoltre si discuterà di tutela, conservazione e valorizzazione dell’arte preistorica. L’obiettivo è di stimolare un dibattito critico che, partendo dal volume di Ragghianti, ne riconosca il valore culturale nell’ambito della storia delle arti.

Nell’immagine della locandina il termine before, rispetto a art | art, enfatizza la visione innovativa dello storico dell’arte sulla continuità temporale tra paleo-storia, paleo-arte e contemporaneità.

Il convegno si svolge con il patrocinio della Regione Toscana e della rivista Archeologia Viva, e coinvolge numerosi soggetti istituzionali: gli enti promotori, ossia la Fondazione Centro studi sull’arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti di Lucca e il Museo e istituto fiorentino di preistoria, nelle persone dei rispettivi direttori Paolo Bolpagni e Fabio Martini, e inoltre l’università Iulm di Milano, le Università di Firenze, di Pisa e di Siena, la Scuola Imt alti studi di Lucca, l’Università degli studi di Milano e il Lucca Film Festival – Europa Cinema.

Informazioni per partecipare al convegno in presenza o in remoto sul sito: www.fondazioneragghianti.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.