Quantcast

La musica di Mr. Betti torna a risuonare al Real Collegio video

Un concerto evento di Animando per restituire al pubblico il patrimonio di spartiti di Adolfo Betti, primo violino del quartetto che incantò gli Usa all'inizio del Novecento

Un pomeriggio in compagnia degli spartiti che hanno reso celebre oltreoceano, all’inizio del Novecento, il violinista lucchese Adolfo Betti (Bagni di Lucca, 1875 – Lucca, 1950). L’evento Dear Mr. Betti: from Lucca to the world, in programma per domenica (24 ottobre) alle 17,30 nella Sala del Capitolo al Real Collegio di Lucca, è l’esito performativo e divulgativo di un ambizioso progetto di ricerca e studio promosso da Animando e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

adolfo betti
adolfo betti

L’obiettivo è restituire all’esecuzione dal vivo il repertorio musicale del Flonzaley Quartet, di cui Betti è stato primo violino fino al 1929, anno dello scioglimento del gruppo nato a Vienna nel 1903, poco dopo arrivato a New York e, in breve, riconosciuto come la migliore formazione da camera degli Stati Uniti. Ne facevano parte anche Alfred Pochon come secondo violino, il veneziano Ugo Ara – dal 1917 sostituito da Louis Bailly – alla viola e Iwan D’Archambeau al violoncello.

A soffiare via la polvere dal vasto repertorio composto per il quartetto e conservato all’Harry Ransom Center dell’Università del Texas, ad Austin, sono stati i giovani studiosi Valentina Ciardelli e Stefano Teani.

Il New York Times, nel 1920, scrisse che i musicisti del Flonzaley Quartet suonavano “più come angeli che come uomini”. Un testimone che domenica pomeriggio raccoglierà Archos Quartet, vincitore nel 2017 del premio intitolato ad Adolfo Betti, istituito da Animando nell’ambito del festival Virtuoso & Belcanto. Filip Jeska sarà il primio violino, Maria Odvody il secondo, Radenko Kostadinov alla viola e Francesca Fiore al violoncello. Alcuni brani saranno proposti nella versione per pianoforte solo e verranno eseguiti da Stefano Teani.

Commenta Paolo Citti, presidente di Animando: “Adolfo Betti dette il meglio di sé alla guida del Flonzaley Quartet. La sua energia, competenza, passione e generosità permisero al un pubblico sempre più vasto di conoscere la bellezza della musica da camera, ai più sconosciuta, così come le esecuzioni del quartetto contribuirono all’affermazione di autori contemporanei, come Schönberg, Stravinskij e Bloch. Due aspetti, la riscoperta dei classici e l’attenzione al nuovo, che Animando condivide e porta avanti, come obiettivo, fin dalla sua costituzione. Ringraziamo la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per aver creduto, insieme a noi, in questa importante operazione di ricerca. Ci auguriamo che possa proseguire e portare alla luce nuove conoscenze sulla vicenda americana di Adolfo Betti”.

adolfo betti

Un concerto-evento con l’esecuzione, in anteprima assoluta, di brani originali e inediti composti da autori vicini ad Adolfo Betti, come Roger Britt, Charles Griffes e Alfred Pochon, e di noti pezzi di repertorio del Flonzaley Quartet, da Luigi Boccherini a Ernst Bloch. I brani saranno introdotti dal professor Marco Mangani, presidente del Centro studi Luigi Boccherini, e inframezzati da interventi del musicologo Marco Gallenga dell’Università di Firenze, che condurrà l’ascolto e illustrerà il contesto storico.

In programma By the brook e Preludeum di Roger Britt, per piano sol0; seguiranno Two sketches based on indian themes di Charles Griffes, Two sketches based on old scottish songs di Alfred Pochon, Adagio pour quator a cordes di Roger Britt, il larghetto del Quartetto Op. 32 n. 4 di Luigi Boccherini su arrangiamento di Alfred Pochon e, per concludere, il primo movimento andante moderato del Quartetto per archi in Si minore n. 1 di Ernst Bloch.

Per partecipare è necessario l’acquisto dei biglietti, al costo simbolico di 5 euro (fino al 22 ottobre, poi 7 euro) al link: https://oooh.events/evento/giornata-betti-biglietti/. Chi non avesse dimestichezza con la biglietteria on line può prenotarsi via mail a segreteria@animandolucca.it, indicando i nominativi dei partecipanti e un numero di cellulare di riferimento: ritirerà il biglietto in loco a costo intero. È possibile prenotarsi fino alle 12 di domenica (24 ottobre). La biglietteria al Real Collegio sarà aperta il giorno del concerto dalle 16,45.

L’evento è realizzato in collaborazione con Virtuoso & Belcanto, Centro studi Boccherini, l’associazione Lucchesi nel mondo, il Comune di Bagni di Lucca e la Fondazione Michel de Montaigne, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Vivi Lucca e del professor Gianluca La Villa, presidente del Comitato per i grandi maestri di Ferrara.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.