Quantcast

Lucca Comics continua la tradizione ‘rifiuti zero’ e prepara tre nuovi bicchieri da collezione

Saranno disponibili nei punti ristoro ufficiali al Palazzetto dello sport, in Cavallerizza e al Polo Fiere

Per il terzo anno Lucca Comics and Games ha ottenuto la certificazione di evento ‘Rifiuti zero’ da Zero Waste Italy.

Il festival conferma così la sua modalità ecofriendly, proseguendo un viaggio intrapreso dal 2018, con alcune iniziative che gli sono valse il riconoscimento Zero Waste, rifiuti Zero. Il più importante evento crossmediale europeo, dedicato al mondo del fumetto, del gioco e del videogioco, dell’illustrazione e della letteratura fantasy, che si terrà a Lucca dal 29 ottobre al 1 novembre negli ultimi anni, coadiuvato dal Comune di Lucca, ha intrapreso un importante percorso di sostenibilità, impegnandosi nella riduzione dei rifiuti.

“Mi complimento con Lucca Comics and Games che sta portando avanti con convinzione un progetto avviato insieme al Comune di Lucca – commenta l’assessore Francesco Raspini – nel 2018 sotto il mio assessorato e mi auguro che altre realtà culturali sposino la stessa filosofia. Come amministrazione – sottolinea Valentina Simi assessore all’ambiente e alla transizione ecologica – consideriamo il festival come ad un’importante protagonista capace sensibilizzare migliaia di giovani sulle tematiche ambientali. Stiamo anche lavorando perché l’intera città si trasformi in territorio ecofriendly, così da abbattere notevolmente l’impatto della plastica sul nostro territorio”.

Tra le diverse iniziative, spicca la collezione di bicchieri ecofriendly (ovvero riutilizzabili e pensati per sostituire i bicchieri usa e getta) ispirati al poster del festival, creato da Paolo Barbieri. Ognuno dei tre bicchieri integra la collezione di quelli realizzati nelle passate edizioni e ripropone dei particolari del manifesto, per celebrare Lucca, la sua storia culturale, artistica e architettonica. L’intera collezione sarà disponibile nei punti ristoro ufficiali del Lucca Comics and Games al Palazzetto dello sport, in Cavallerizza e al Polo Fiere. Grazie alla collaborazione di Ristogest (general contractor food and beverage del festival) oltre a mettere a disposizione dei visitatori i bicchieri riutilizzabili, tutte le stoviglie e il packaging utilizzati nei punti ristoro interni al festival saranno biodegradabili grazie all’utilizzo di piatti, posate e vaschette in polpa di cellulosa, in cartoncino riciclabile e in mater-b, per ridurre al massimo il volume del materiale di scarto e aumentare il riciclo.

Durante il festival si terrà l’incontro Art, Waste & Tokens – Arte, ambiente & Nft (in programma il 29 ottobre alle 10,30 in Sala Tobino) con Rossano Ercolini di Zero Waste Italy e il fumettista Lorenzo Ceccotti in arte Lrnz per discutere sul tema della sostenibilità ambientale nella tecnologia Non fungible token:  i certificati “di proprietà” su opere digitali che stanno avendo un ampio successo, ma al centro della critica per il forte impatto ambientale. A seguire, all’area perfomance nella Chiesa dei Servi, allo stand di Zero Waste, insieme al direttore di Lucca Comics and Games Emanuele Vietina, verrà lanciato il tema a legato al rispetto dell’ambiente, cui si ispireranno gli artisti ospiti del festival, che ogni anno metto a disposizione la loro arte per beneficenza.

Il festival arriva a questo importante passo dopo una serie di iniziative tese a sensibilizzare ed educare alla giusta differenziazione dei rifiuti, al rispetto dell’ambiente e al risparmio delle risorse come l’acqua potabile. Già dal 2014 infatti il festival ha attivato una importante riduzione dello spreco della carta, eliminando le migliaia di pagine delle cartelle stampa, che stampava ogni anno, informatizzando al massimo le pratiche interne e i processi di accreditamento alla manifestazione, riducendo al minimo la stampa di centinaia di migliaia di fogli.

Oltre a questo Scarty®, il progetto scolastico che in 3 anni ha coinvolto le scuole primarie entrando, tramite i bambini, in oltre 3 mila famiglie lucchesi, con un gioco sulla raccolta differenziata e incentivando una serie di comportamenti virtuosi da mettere in pratica fra le mura domestiche per partecipare a un grande concorso. Una vera e propria “gamification urbana”, che ha trovato la sua naturale prosecuzione e un nuovo sviluppo con BluTube: chi porta l’acqua a casa!, progetto di sensibilizzazione all’uso dell’acqua pubblica, che ha coinvolto  migliaia di studenti delle scuole primarie del territorio dal 2018 al 2021.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.