Quantcast

Da Pokemon a Sailor Moon, alla Japan Town è il regno degli anime e dei manga fotogallery video

Ospite d'eccezione il doppiatore di Vegeta, uno dei personaggi di Dragon Ball. In mostra le opere di Kazuo Kamimura e Baron Yoshimoto

Dai Pokemon a Sailor Moon, da Dragon Ball a Yughi Oh, ma anche Naruto, Lupin e tanti altri ancora. Sono i personaggi degli anime e dei manga i protagonisti della Japan Town di Lucca Comics and Games, il padiglione dedicato al Giappone quest’anno trasferito al Polo Fiere.

Alla Japan Town il regno degli anime e dei manga

Una dislocazione fuori porta dettata dalle esigenze di contenimento della pandemia, che tuttavia non scoraggia i numerosi appassionati di cultura nipponica e i curiosi alle prime armi con l’Oriente, affollati fra i tanti stand. Non solo di fumetti, cartoni animati e carte da gioco, ma anche di kimoni, accessori, vestiti, musica, dipinti, cibo: la sezione extraurbana dei Comics 2021 è un vero e proprio tuffo nel sol levante, che può regalare emozioni uniche nella vita.

Come incontrare il doppiatore di Vegeta, uno dei principali personaggi di Dragon Ball animato in Italia dalla voce carismatica di Gianluca Iacono: il famoso attore torinese arrivato a Lucca Comics and Games 2021 per presentare il suo spettacolo teatrale in esordio nel 2022, Vegeta è morto e l’ho ucciso io, direttamente dal palco della Japan Town.

“E’ uno spettacolo che parla del mio oltre ventennale rapporto con Vegeta, del suo rapporto con gli altri personaggi e del mio rapporto con la voce, il mio lavoro, con l’essere attore. Tutto questo in una scorribanda di situazioni pazzesche sul palco, con animazioni e proiezioni sullo schermo a ricreare un mondo molto agito e vivo. Sarà uno spettacolo trasversale per tutte le età, anche per chi non conosce né Dragon Ball né è un masticatore di anime e manga”.

“Essere qui a Lucca Comics – continua Gianluca Iacono – è una grande emozione perché la prima volta che sono venuto era il lontano 2008 per presentare la serie Spider Rider insieme a Italia Uno. Sono tornato adesso, dopo il Covid in un momento fantastico di riapertura per questa edizione 2021 organizzata molto bene, e mi sto divertendo un sacco. Davvero tutto molto bello”.

Bellezza, fascino e divertimento si respirano nell’atmosfera magica della Japan Town, a partire dall’entrata decorata dalle enormi e fluttuanti lanterne giapponesi. Solo la prima delle tante occasioni per farsi una foto nel mondo del Polo Fiere, un labirinto colorato dove perdersi piacevolmente fra gli stand, oppure passeggiando nel tradizionale giardino giapponese ricreato proprio nel centro del padiglione, a raccontare un modo diverso di pensare il rapporto dell’uomo con il mondo.

Come suggerisce anche la pittura dell’artista Meico Yokoyama, che ha portato nella Japan Town una sua mostra arricchita in tempo reale dalla realizzazione del dipinto Dojyoji. L’opera in corso dal vivo ieri pomeriggio (31 ottobre) è tratta da una delle più famose leggende giapponesi nel mondo degli spettacoli tradizionali, tramandata da oltre mille anni nel tempio di Dojyoji nella provincia di Wakayama.

Tante inoltre le esposizioni di illustri fumettisti, fra cui Kazuo Kamimura e Baron Yoshimoto con la mostra Rabbia e Amore, alla scoperta dei maestri dei manga gekiga. Un’occasione unica per ammirare i capolavori di alcune delle penne più famose dell’Oriente proprio alla Japan Town di Lucca Comics and Games 2021.

Nel padiglione, anche uno stand dell’Accademia Europea di Manga per chi vuole fare della propria passione una professione, un punto ristoro con i tipici noodles, suhi e ramen allestito all’esterno e una simpatica sedia a forma di wc ricoperta di carta igienica, davanti alla toilette. “Abbiamo tutti il potere di cambiare il mondo” recita l’insegna.

E soprattutto, come ha insegnato la pandemia, il dovere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.