Quantcast

“La polizia dialoga con la lirica”, una serata per sensibilizzare contro la violenza sulle donne

L’evento organizzato dalla questura in collaborazione all'istituto musicale Boccherini, andrà in scena nell’auditorium del Suffragio questo martedì (23 novembre). La partecipazione è gratuita

Prevenire e sensibilizzare: è questa la parola d’ordine della polizia di stato di Lucca contro un fenomeno dilagante nella società, la violenza sulle donne. Proprio da loro, dalle famiglie, dalle scuole e dalla comunità la squadra anticrimine ha scelto di ripartire, per affrontare il problema alla radice, agire sulle sue cause e promuovere un cambiamento culturale.

Promuovere la parità di genere e il rispetto reciproco, agire sulla gestione del sentimento di rifiuto e sensibilizzare gli strati più giovani della società, è infatti l’obiettivo di La polizia dialoga con la lirica. Un lungo percorso verso la parità di genere, l’evento organizzato dalla polizia di stato di Lucca in collaborazione con l’Istituto musicale Boccherini che andrà in scena nell’auditorium del Suffragio questo martedì (23 novembre): due giorni prima della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina (venerdì 19 novembre) dalla dirigente della divisione anticrimine della questura di Lucca Lina Iervasi insieme al questore Alessandra Faranda Cordella, che saliranno sul palco del Boccherini per parlare di prevenzione a favore delle fasce più deboli: donne e bambini.

“La divisione anticrimine troppo spesso si trova a gestire episodi di lesioni gravi se non omicidi. Vogliamo lavorare in un’altra direzione, per contenere i fenomeni sul nascere, quando iniziano a manifestare criticità – spiega il questore Alessandra Faranda Cordella -. La violenza domestica sui minori e sulle donne, è un problema multicausale: tutti possono fare la propria parte, bisogna lavorare in rete e intervenire a monte per promuovere un cambiamento di mentalità con attività di sensibilizzazione sociale”.

Fra queste, lo spettacolo La polizia dialoga con la lirica. Un lungo percorso verso la parità di genere, che andrà in scena ) alle 20,45 e sarà trasmesso dalle 21 su Noi Tv: “Parleremo di parità di genere e rispetto, di gestione del rifiuto contro il sentimento di possesso – continua Faranda Cordella – Faremo un lavoro di rete insieme alla comunità, all’interno dell’auditorium dell’istituto musicale Boccherini, che ringrazio per la collaborazione”.

A moderare la serata la giornalista Silvia Toniolo, che parlerà del percorso delle donne nella lirica insieme al tenore Enrico Teriglia, autore del libro Donne all’opera – Dialoghi con un tenore accompagnato dal pianoforte di Massimo Morelli, docente dell’istituto musicale Boccherini. Sul palco la dottoressa Faranda Cordella introdurrà l’iniziativa, cui parteciperà la dirigente della divisone anticrimine della questura di Lucca, primo dirigente della polizia di stato, la dottoressa Lina Iervasi.

“Saremo presenti per parlare del lungo percorso da fare verso la parità di genere, e lanciare un messaggio importante – afferma il questore Alessandra Faranda Cordella  – il messaggio che questo fenomeno non si risolve con un inasprimento delle pene, ma attraverso la prevenzione. Percepire il disagio, provare a intercettare le necessità e soprattutto i fenomeni all’interno della comunità, provare, in sintesi, a esserci sempre: è questo l’obiettivo della polizia di stato. Fra i due paradigmi, molto può fare la prevenzione rispetto all’inasprimento della pena: noi lavoriamo su questa strada”.

La polizia dialoga con la lirica. Un lungo percorso verso la parità di genere andrà in scena giovedì prossimo (23 novembre) nell’auditorium del Suffragio dell’istituto Boccherini, contemporaneamente alla diretta su Noi Tv. La partecipazione è gratuita, fino a esaurimento dei 250 posti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.