Quantcast

“Lo psicopompo” di Scena Verticale inaugura gli spettacoli di Lucca Visioni foto

La giornata inizierà alle 18 con l'apertura al pubblico dell'opera "Cosmos Within"

In un crescendo di sfumature emotive, sarà Lo Psicopompo, una delle ultime produzioni di Scena Verticale – storica realtà del teatro di ricerca – a inaugurare gli spettacoli di Lucca Visioni, la rassegna di teatro contemporaneo e contaminazioni organizzata dal Teatro Del Carretto, curata da Jonathan Bertolai, in programma a Lucca fino al 28 novembre al teatro del Giglio (biglietto intero 15 euro).

Protagonisti dello spettacolo sono Milvia Marigliano insieme a Dario De Luca, che ne firma anche la regia. Un uomo e una donna, chiusi in una casa, si confrontano in un serrato dialogo sul tema tanto misterioso quanto concreto della morte. I due non sono estranei ma una coppia: un infermiere che in maniera clandestina aiuta malati terminali nel suicidio assistito lui, e una professoressa in pensione, lei. Ruolo centrale è ricoperto dal suono e dalla musica grazie al lavoro impeccabile di Hubert Westkemper che gli è valso il premio Ubu 2019 come miglior progetto sonoro. La trama della pièce si intreccia infatti a brani di musica classica che, oltre a scandire il tempo della rappresentazione, aprono squarci di riflessione sul potere della musica sulla vita dell’uomo. La storia dei protagonisti, che si interrogano sul desiderio di morte, viene così “rubata” da coloro che ascoltano e guardano: gli spettatori avvertono tutte le più impercettibili sfumature emotive, diventando testimoni di qualcosa che avviene in forma privata.

La giornata inizierà alle 18 con l’apertura al pubblico dell’opera Cosmos Within, la video installazione del duo artistico romano Apotropia, formato da Antonella Mignone e Cristiano Panepuccia. L’opera si inserisce nella sezione dedicata alle contaminazioni tra il teatro e le arti visive, curata da Giacomo Pecchia. Influenzata da temi filosofici, antropologici e scientifici con una particolare attenzione a simboli, miti e culture dell’umanità, la ricerca di Apotropia spazia tra video, suono, danza, performance e installazioni. L’installazione sarà allestita all’interno degli spazi del Teatro del Giglio e sarà fruibile gratuitamente i giorni di spettacolo dalle 18 alle 20.

Gli spettacoli proseguiranno mercoledì 24 novembre con Futuro Anteriore di Ferrara Off, per la regia di Giulio Costa e la drammaturgia di Margherita Mauri, uno spettacolo sul futuro, che immagina una terza età alternativa, con anziani fuori dalle case di riposo, non più ai margini della società, né ai confini con la realtà.

La prima edizione della rassegna è organizzata dal Teatro Del Carretto, con la curatela di Jonathan Bertolai e realizzata con il contributo del Comune di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca, il Patrocinio della Provincia di Lucca e della Siae e in collaborazione con il Teatro del Giglio.

Gli spettacoli iniziano alle 21. Per info: biglietteria@teatrodelgiglio.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.