Quantcast

Le opere di Emanuele Giannelli alla galleria OlioSuTavola

Il via all'esposizione domani

Mr Arbitrium e altro. Le opere di Emanuele Giannelli da domani (26 novembre) alla galleria d’arte OlioSuTavola in via del Battistero 38, a Lucca. Mentre in piazza San Michele campeggia il giant itinerante che ha già visitato Seravezza, Pietrasanta e Carrara, figura maschile monumentale di circa 6 metri nell’atto di sostenere, o spingere via, palazzi e chiese, una ventina di sculture di bronzo, resina e ceramica raku, tra cui anche i bozzetti di bronzo di Mr. Arbitrium, arrivano alla galleria curata da Martina Bacci di Capaci. L‘inaugurazione è prevista per domani (26 novembre) alle 18,30.

Da anni Giannelli conduce una ricerca sull’impatto-relazione che quotidianamente l’uomo contemporaneo ha e vive con la scienza, il progresso e la tecnologia. Lo scultore si interroga sui rischi di una tecnica che può portare alla disumanizzazione. In passato, nella sua ricerca si è spesso occupato dell’industrializzazione. La fascinazione per le visioni futuristiche e surreali e il progresso lo ha portato a raccontare, attraverso le sue opere, le contraddizioni del nostro tempo, raccontando di un’umanità in continua trasformazione. L’artista mostra un essere umano capace di cose eccezionali, e al tempo stesso individua in lui uno spirito autodistruttivo. Giannelli si interroga su quello sarà il mondo tra venti/trent’anni: il dubbio della scelta è posto da un nuovo che avanza, avvertito dall’artista come potenzialmente minaccioso. L’artista però non vuole dare giudizi, bensì offrire un invito a riflettere su queste tematiche.

Emanuele Giannelli è uno scultore contemporaneo nato a Roma nel 1962. Poco prima dei vent’anni si trasferisce a Carrara, capitale del marmo, e nel 1984 si diploma in Scultura all’Accademia di Belle Arti con il massimo dei voti. È in quegli anni che si avvia il progressivo distacco dalle correnti classiche, parallelamente a un sempre più stimolante avvicinamento alla scultura contemporanea, complici la cultura industriale da cui viene sempre più assorbito: la musica industriale ed elettronica, i libri, gli amici, i dischi, i fumetti, il punk come movimento giovanile di protesta, il movimento studentesco e gli scontri politici di fine anni ’70, che vede e vive da vicino, i tanti viaggi d’ispirazione tra Berlino e New York e il periodo vissuto a Londra nell’85. L’artista cresce così, sperimentando nuovi materiali e nuove tecniche con impetuosa curiosità e coscienza, ma anche sperimentando il mondo, fino a trovare una sua narrazione, che quasi come un’ossessione ritorna in tutte le sue opere e che vediamo ancora oggi: la figura umana in preda al caos della contemporaneità e alla trasformazione. Infine approda a Pietrasanta, terra di grandi scultori. Nei suoi quarant’anni di ricerca ha realizzato moltissime mostre personali e collettive, sia in Italia che all’estero. Artista di respiro internazionale, sapientemente provocatore, Giannelli costruisce le sue opere sull’equilibrio perfetto tra arte figurativa e arte concettuale. Racchiude dentro di sé la classicità della capitale e la geniale provocazione toscana, intesa da lui come una caratteristica positiva, in quanto capace di “provocare emozioni.

L’esposizione è aperta fino al 7 gennaio, da mercoledì a domenica con orario 17-23, gli altri giorni su appuntamento. Ingresso libero.

Info: +390583491104, www.oliosutavola.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.