Quantcast

Standing ovation a Belgrado per la rappresentazione della Madama Butterfly

Cento anni dell'opera: la storia della giovane geisha ha commosso il pubblico del teatro nazionale serbo

Una vera standing ovation per la rappresentazione del capolavoro pucciniano nell’allestimento del Festival Puccini promossa dall’Istituto Italiano di cultura di Belgrado diretto da Roberto Cincotta. Interminabili applausi alla fine della rappresentazione per tutti i protagonisti. Sul podio dell’orchestra e del coro del teatro di Belgrado il maestro Fabrizio Ventura.

Un allestimento di gala quello proposto al teatro nazionale di Belgrado e voluto dall’Istituto Italiano di cultura di Belgrado per ricordare l’anniversario degli oltre 100 anni dalla prima rappresentazione a Belgrado di Madama Butterfly, con il Maestro ancora in vita. Un successo straordinario salutato da interminabili applausi per la regista Manu Lalli che a Belgrado ha portato in scena la triste storia della geisha di Nagasaki nell’allestimento green,  on alberi veri in scena,  nella produzione della Fondazione Festival Pucciniano di Torre del Lago già messa in scena nel 2020 nel Gran teatro all’aperto e che il prossimo 15 luglio 2022 inaugurerà la 68esima edizione del Festival Puccini.

Applausi anche a scena aperta per Shoko Okada (Cio Cio San), Vincenzo Costanzo (Pinkerton) e Arianna Manganello (Suzuki), e per gli artisti serbi a completare il cast, diretti dal Maestro Fabrizio Ventura, sul podio di Orchestra e Coro del Teatro Nazionale di Belgrado.  Applausi anche all’indirizzo di  tutto lo staff italiano e serbo che ha collaborato  per la messa in scena, tecnici e assistenti.

Straordinaria anche la copertura mediatica che lo spettacolo ha avuto attraverso la stampa serba e i canali del ministero degli esteri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.