Quantcast

In sala Tobino la mostra su Anne Frank racconta “una storia attuale” video

Aperte oggi (21 gennaio) le porte dell'esposizione

È stata una visita guidata per alcuni studenti ad aprire le porte della mostra Anne Frank, una storia attuale, curata dalla Anne Frank House di Amsterdam che rimarrà aperta in sala Tobino a palazzo Ducale fino all’11 febbraio. La prima, di una serie di iniziative, inserite nel programma provinciale per il Giorno della memoria.

mostra Anne frank

Una mostra su Anna Frank dà il via alle iniziative del giorno della memoria

Trentacinque pannelli che raccontano la storia di una ragazzina tredicenne ebrea ai tempi della persecuzione nazista partendo dai suoi primi quattro anni di vita per poi arrivare all’ascesa del partito nazionalsocialista in Germania, alla fuga in Olanda della famiglia. al periodo di clandestinità fino alla deportazione. Una mostra che parla di un’adolescenza negata, il sogno spezzato di una bambina di diventare una scrittrice famosa attraverso foto inedite e citazioni dalle pagine che Anne stessa scrisse nei due anni di isolamento, in quell’Alloggio segreto che nel 1947 darà il nome al suo diario, pubblicato postumo alla sua morte avvenuta nel 1945 nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. La Shoah è infatti lo sfondo su cui si articola l’esposizione, che accanto alle vicende vissute dalla famiglia Frank tratta il tema della ‘pulizia etnica’ e dell’epurazione fino ad arrivare a oggi, alle violazioni dei diritti umani che persistono tutt’ora in molti paesi del mondo e di conseguenza alle nostre responsabilità individuali nel mantenimento della democrazia – niente a che fare con la fantomatica ‘dittatura sanitaria’.

Prima e durante la Seconda guerra mondiale ci furono persone che non si piegarono al regime nazista e non accettarono la persecuzione di loro concittadini. Mentre la maggioranza si adattava e volgeva lo sguardo altrove ci fu chi sentì il dovere di agire. Migliaia di persone devono la loro vita a individui che non vollero adattarsi e che, pur sapendo di rischiare la vita, sentirono il dovere di aiutare chi veniva perseguitato. Dare prova di coraggio civile è molto importante anche oggi. Nella nostra società le discriminazioni sulla base della pelle, della nazionalità o della fede religiosa è un problema ancora attuale. È necessario che ognuno si impegni per combattere ogni forma di discriminazione e intimidazione. Ognuno deve sentirsi responsabile per la difesa di libertà. giustizia, tolleranza e solidarietà.

Ideata e prodotta dalla Fondazione Anne Frank di Amsterdam, la mostra è stata tradotta in oltre 25 lingue ed ha viaggiato in più di 150 Paesi del mondo, ponendosi come centro propulsore di attività quali corsi di formazione per gli insegnanti e progetti didattici per gli studenti.

La mostra Anne Frank, una storia attuale sarà aperta fino all’11 febbraio con orario continuato (9-19) e chiusa la domenica. Sarà possibile visitarla dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e il martedì e il giovedì anche dalle 15 alle 18. Sono previste aperture straordinarie sabato (29 gennaio) e domenica (30 gennaio) dalle 15 alle 18. L’ingresso, a titolo gratuito, avverrà nel rispetto della vigente normativa di prevenzione Covid e dell’apposito protocollo antiCovid predisposto per l’iniziativa, con obbligo di green pass rafforzato. E’ possibile effettuare visite guidate contattando preventivamente la scuola per la pace della Provincia di Lucca al numero 0583 417481 o all’indirizzo scuolapace@provincia.lucca.it.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.