Quantcast

La favola di Natale, all’auditorium del Suffragio la serata dedicata a Guareschi

Il concerto di musica e parole in programma giovedì (27 gennaio) alle 21

Un concerto di musica e parole per riscoprire La favola di Natale di Giovannino Guareschi, il sogno di libertà che lo scrittore dedicò ai suoi bambini durante il periodo di prigionia nel lager tedesco di Stalang Xb, a Sandbostel, in Germania.

Giovedì (27 gennaio) alle 21 all’auditorium del Suffragio in occasione della Giornata della Memoria, l’Istituto superiore di studi musicali Boccherini, in collaborazione con la Provincia e il Comune di Lucca, l’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Lucca e l’Associazione musicale lucchese, propone una serata dedicata alla storia di prigionia che vide Guareschi protagonista insieme a migliaia di prigionieri che, come lui, condussero una “coraggiosa ‘resistenza bianca’, rifiutandosi di aderire alla Repubblica sociale e di collaborare con i tedeschi”. Fu catturato nel settembre del 1943 ad Alessandria e tornò in Italia nel 1945.

A leggere le parole di Guareschi sarà Carlo Valli, vincitore del Nastro d’Argento nel 1995 come miglior doppiatore per il doppiaggio di Robin Williams nel film Mrs Doubtfire, accompagnato alla chitarra da Giampaolo Bandini, considerato tra i migliori chitarristi italiani sulla scena internazionale e dalla musica di Mario Castelnuovo Tedesco. A introdurli sarà Nicola Barbato, dell’Istituto storico della Resistenza.

La favola di natale

Guareschi, scrittore e giornalista che tutti conosciamo grazie ai racconti Don Camillo e Peppone, scrisse la favola nel dicembre 1944, poco prima di passare il secondo Natale in prigionia. La scrisse per resistere con l’allegria alla tristezza sua e dei compagni del lager. Venne letta e rappresentata di lì a poco, il 24 dicembre, da lui stesso e dall’amico Arturo Coppola, che accompagnò con la fisarmonica le “canzoncine di cui io avevo scritto il testo e che vennero eseguite da un gruppo di pezzenti come me, pieni di freddo, di fame, di nostalgia. In quella squallida baracca zeppa di altri pezzenti come noi”, raccontò Guareschi successivamente. Un racconto melancolico, allegro, tagliente, rivolto ai bambini, ma ovviamente anche ai grandi, che aveva l’obiettivo di dare coraggio ai compagni di prigionia: “E se non v’è piaciuta, non vogliatemi male, ve ne dirò una meglio – il prossimo Natale, e che sarà una favola – senza malinconia: C’era una volta la prigionia”.

L’evento è a ingresso libero e gratuito con prenotazione obbligatoria. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito boccherini.it. Per accedere all’auditorium è necessario il super green pass e l’utilizzo della mascherina ffp2.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.