I gioielli di Maria Luigia d’Asburgo: tutto svelato ai Martedì del Palazzo

Incontro con Francesca Sandrini

Raccontare la storia attraverso i gioielli è sicuramente un approccio originale e interessante. Ed è l’approccio proposto da Francesca Sandrini nell’incontro I gioielli di Maria Luigia d’Asburgo, in programma domani (17 maggio), alle 16,30, nell’Antica Armeria di Palazzo Ducale, nell’ambito del calendario di eventi I Martedì del Palazzo, organizzati dalla Provincia, in collaborazione con l’associazione Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana che ne cura anche la parte scientifica.

 

Al centro dell’incontro, quindi, vi sarà la storia di Maria Luigia d’Asburgo, imperatrice di Francia e moglie di Napoleone Bonaparte, nonché, successivamente, duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla.

Una storia importante, che sarà ripercorsa attraverso i suoi gioielli, tanto quelli del fastoso periodo napoleonico, quanto quelli – assai più ‘modesti’ – del lungo trentennio ducale.

L’intento è quello di ricostruire la storia – dalla loro prima commissione alla spesso inevitabile successiva dispersione – di alcune delle più straordinarie parure mai realizzate, uscite dai laboratori dei più grandi maestri orafi del XIX secolo e alle quali si affiancava un variegato campionario di preziosi, spesso meno impegnativi, destinati all’uso quotidiano, ma anche a doni e omaggi personali e di Stato.

 

Francesca Sandrini lavora dal 1995 alla Fondazione Museo Glauco Lombardi di Parma, con il ruolo di direttore e conservatore delle collezioni museali, nonché di responsabile della gestione museale e commerciale. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni su cataloghi e riviste di settore. Nel 1999 ha fondato la collana Quaderni del Museo, dedicata ad approfondimenti critici, storici, artistici e archivistici su tematiche legate alle collezioni e, in particolare, alla figura e al periodo di Maria Luigia d’Asburgo. Nel 2021 ha pubblicato il suo ventesimo numero, oltre ad altri volumi fuori collana. Ha curato le numerose mostre realizzate negli anni dal Museo stesso, occupandosi di tutti gli aspetti legati alla valorizzazione museale. Frequenti e costanti le partecipazioni a convegni specialistici, conferenze ed eventi vari. E’ membro della Commissione consultiva di Toponomastica del Comune di Parma e corrispondente per l’Emilia Romagna dell’associazione napoleonica francese Le Souvenir Napoléonien.

 

L’ingresso all’incontro è gratuito fino al raggiungimento della capienza massima della sala e l’accesso è consentito nel rispetto della vigente normativa in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19.

Info e prenotazioni: dal lunedì al venerdì 9,30 – 13,30 tel. 0583417363 o 0583417946.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.