Quantcast

Giornata nazionale delle dimore storiche, aperte gratuitamente le case della memoria

Da Casa Puccini alla casa natale di Carducci una domenica alla scoperta delle abitazioni dei personaggi illustri

Bellezze da scoprire. Tutto pronto nelle Case della memoria per la 12esima edizione della Giornata nazionale Adsi che si terrà domenica prossima. Grazie alla rinnovata collaborazione fra l’Associazione nazionale case della memoria e l’Associazione dimore storiche italiane (Adsi), anche per quest’anno infatti le Case della memoria parteciperanno alla Giornata nazionale Adsi in programma domani (22 maggio) durante la quale numerose case museo apriranno gratuitamente le porte. Sono 26 quest’anno le Case della memoria che aderiscono all’iniziativa, per un’immersione nella storia e nella cultura. La visita sarà possibile su prenotazione sul sito web di Adsi.

“È bello vedere che anche quest’anno sono numerose le Case della Memoria che aderiscono all’iniziativa dell’Associazione Dimore Storiche Italiane – commenta Adriano Rigoli, presidente dell’Associazione nazionale case della memoria – Un’iniziativa che arriva a poco più di un mese dalle Giornate nazionali delle case dei personaggi illustri e che rappresenta un ulteriore importante veicolo di promozione per le nostre case museo”.

“La collaborazione con Adsi prosegue con l’obbiettivo di diffondere fra il pubblico la bellezza racchiusa nei luoghi che fanno parte della nostra rete nazionale – aggiunge Marco Capaccioli vicepresidente dell’Associazione nazionale case della memoria – Iniziative come questa le dobbiamo anche ai visitatori, da parte dei quali emerge una grande richiesta ed un grande desiderio di visitare i nostri luoghi come segnale di una nuova ripartenza e di rinnovata socialità all’insegna della cultura»”

Ecco le realtà dell’Associazione Nazionale Case della Memoria che hanno aderito. Per la Toscana, apriranno le porte la Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi di Arezzo, la Casa Natale di Michelangelo Buonarroti a Caprese Michelangelo (Arezzo), Museo della Badia di Vaiano-Casa Agnolo Firenzuola, Casa Quinto Martini a Carmignano (Prato), il Museo Casa Busoni a Empoli e il Castello Sonnino di Montespertoli (Firenze). E poi Casa Carducci a Santa Maria a Monte (Pisa), Casa Giacomo Puccini a Lucca, Casa Giovanni Pascoli a Barga, Casa Ugo Guidi a Forte dei Marmi, la Casa natale di Giosuè Carducci a Valdicastello (Pietrasanta), Casa Carducci a Castagneto Carducci (Livorno).

E ancora in Emilia Romagna: Casa Pellegrino Artusi di Forlimpopoli (Fc), l’Atelier Tullio Vietri di Bologna, la Casa Studio Giulio Turci di Santarcangelo di Romagna (Rimini). Ma anche il Museo Casa Bendandi – Osservatorio Sismologico di Faenza (Ravenna), la Casa dell’Upupa – Studio Ilario Fioravanti a Sorrivoli di Roncofreddo (Fc), Casa Secondo Casadei a Savignano sul Rubicone (FC), Casa Natale Giovanni Pascoli a San Mauro Pascoli (FC), Casa Mario Bertozzi a Forlimpopoli (Fc), Casa Museo don Giovanni Verità a Modigliana (Fc), Villa Silvia Carducci – Museo Musicalia a Cesena (Fc).

E poi, in Veneto la Casa Natale Giuseppe Sarto – Pio X a Riese Pio X (Treviso) e la Casa di Cultura Goffredo Parise a Ponte di Piave (Treviso), e nelle Marche la Casa Museo Gaspare Spontini a Maiolati Spontini (Ancona). Infine, la Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi a Palermo per la Sicilia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.