Torna il “Graal Cult Fest” con oltre un mese di iniziative foto

Ecco il programma della seconda edizione

Dal 14 luglio fino al 28 agosto torna il Graal Cult Fest, una manifestazione che giunge alla seconda edizione.

Graal Cult Fest è un Festival diffuso di spettacolo, performing arts, cultura e storia del territorio con la direzione artistica di Consuelo Bfrilari che si svolge in tempo d’estate, tra prati e boschi, in mezzo alla natura nel verde dei parchi delle Alpi Apuane e dell’Appennino Tosco Emiliano lungo la Valle del Serchio, nello spazio denso di storie e mistero di un territorio ancora oggi quasi incontaminato la Garfagnana.

Il festival è una kermesse di spettacoli dal vivo, teatro incontri, proiezioni nel bosco, cibo, letture, laboratori open air, residenze artistiche, incontri con attori, scrittori e registi, realizzati durante escursioni in montagna, nelle cave di marmo, seduti nel bosco oppure sdraiati in un prato.

Il calendario degli eventi segue il filo rosso disegnato dalla lettura antropologica del paesaggio, dalla storia orale all’alimentazione, dal folklore alle opere del sommo poeta Ludovico Ariosto che qui ha risieduto, dalle pietre delle facciate delle case alle fortezze medievali. Realizzato insieme ad amministrazioni e persone illuminate, associazioni, Musei, figure di storici e letterati, con straordinarie collaborazioni Graal Cult Fest è diretto a valorizzare il territorio e gli aspetti originali della Garfagnana. La finalità è unire il pubblico dei Festival estivi con i visitatori turistici della Garfagnana, sposando la fruizione dello spettacolo, della cultura con la scoperta delle bellezze del territorio.

“In questa terra di confine che unisce la Toscana e la Liguria – le parole di Consuelo Barilari -, dove la linea dell’orizzonte tra le montagne e il cielo stellato disegna le figure di un immaginario antico che ha radici nel Mito, popolato di figure ancestrali e magiche, streghe, gnomi e folletti, in questa terra che ha sapore d’infanzia, è il confine dell’immaginazione a fare da padrone, quello che per ognuno di noi disegna la forma della nostra anima. Il Graal Cult Fest vi invita a diventare protagonisti di questa narrazione dell’immaginario, sia esso leggenda, folklore, mito o fantasia, negli spazi verdi densi di Storia che ci piace raccontare come la terra del Graal”.

Perché il Graal

“Cosa cerchiamo tra l’eternità delle case di pietra, nei ruderi dei castelli medievali, dentro le chiese dalle pareti nude, nei cammini nelle foreste, tenebrose, negli incavi degli alberi, sui disegni delle cortecce, nei racconti magici e nelle credenze popolari? – si chiede Consuelo Barilari -. La nostra è la ricerca del segreto di questi luoghi, che suscita ogni sorta di passione e di desiderio… potrebbe procurare a chi lo possiede un potere infinito, un sapere immenso, ed anche una quantità inesauribile di ricchezze. Che si tratti di una reliquia cristiana, un oggetto leggendario, o una metafora letteraria, una leggenda o un segreto? Che sia l’arca dell’Alleanza, il Calice dell’Ultima Cena, la pietra magica, la coppa dell’abbondanza, il cammino dei pellegrini, il calderone delle meraviglie noi lo chiameremo Graal, la coppa sacra da cui si beve la conoscenza, che conferisce o restituisce il ‘senso dell’eternità’ a coloro che la ricevono”.

“Un ringraziamento particolare al sindaco del comune di Castelnuovo di Garfagnana Andrea Tagliasacchi – conclude Barilari -, a Alessandro Pedreschi (assessore alla cultura), Niccolò Roni (consigliere per la cultura), che hanno seguito e reso possibile assieme a noi il progetto teatrale Le donne dell’Orlando Furioso. E ancora grazie al direttore del Museo Italiano dell’Immaginario Folklorico di Piazza al Serchio, professor Umberto Bertolini, a Brigida Marrovelli, antropologa dell’alimentazione, a Giovanni Guidetti e a Radio Music Lab di Piazza al Serchio, a Paola Settimini direttrice di La Spezia Film Festival, a Elena Guttuso, Carla Sanguineti, e a tutti coloro che hanno reso possibile questa bellissima iniziativa”.

Clicca qui per scaricare il calendario degli eventi del Graal Cult Fest

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.