Art bonus per le Mura e l’acquedotto del Nottolini

Salvaguardare e recuperare beni artistici e del patrimonio, sfruttando le sottoscrizioni popolari. E’ questo l’obiettivo dell’Art Bonus di cui anche il Comune di Lucca intende approfittare. E di monumenti e luoghi da tutelare, o, meglio ancora, da riportare al loro splendore la città non è certo carente. La giunta guidata dal sindaco Alessandro Tambellini ha dato delle indicazioni, fornendo una lista di monumenti, aree o immobili che potranno beneficiare di questa forma di contribuzione.

Al primo posto ci sono le Mura di Lucca, il cui recupero è in corso grazie ai cantieri della Fondazione Crl e quelli che a breve farà partire l’amministrazione comunale alle sortite di tre baluardi con progetti finanziati con fondi regionali.
Ma c’è anche il Mercato del Carmine, il cui progetto di recupero non è ancora stato completato. La Fondazione Crl ha previsto fondi ma serve un’idea complessiva per riqualificare l’intera area. E’ per questo che l’amministrazione pensa ad un concorso di idee da raccogliere attraverso un bando.
Anche l’acquedotto del Nottolini non viene dimenticato, è del resto uno dei monumenti simbolo della Lucchesia. La lista prosegue con il monumento equestre in piazzale Risorgimento, l’obelisco di piazzale Verdi, villa Bottini, la pavimentazione i piazza San Michele e la Torre di Monte Catino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.