Medici dello sport da tutta la Toscana alla cittadella della salute per la prevenzione sulla morte cardiaca improv

La prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa negli atleti: aggiornamenti per operatori della medicina dello sport. E’ questo il tema dell’incontro organizzato per lunedì (8 giugno) a partire dalle 8 nella cittadella della salute del Campo di Marte (Padiglione C, sala riunioni al primo piano) dalla Unità funzionale di medicina dello sport dell’azienda Usl 2 in collaborazione con il dipartimento di medicina clinica e sperimentale dell’università di Pisa e con la Fondazione Toscana Gabriele Monasterio.

Il responsabile scientifico dell’evento è Carlo Giammattei, direttore della Medicina dello Sport di Lucca. Tra i relatori ci sono i dirigenti medici della Fondazione Toscana Monasterio Giovanni Aquaro, Giosuè Catalano e Marco Ciardetti; il direttore della cardiologia dell’azienda Usl  2 Francesco Bovenzi; il ricercatore universitario della sezione dipartimentale medicina dello sport dell’azienda ospedaliera pisana Ferdinando Franzoni; il professore ordinario del dipartimento di medicina sperimentale e clinica dell’Università Firenze Giorgio Galanti; il professore associato della sezione dipartimentale medicina dello sport dell’azienda ospedaliera pisana Fabio Galetta.
Il corso prevede un aggiornamento sulle nuove acquisizioni nell’ambito della cardiologia dello sport, con una particolare attenzione alle continue sfide che pone l’obiettivo della prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa negli atleti. Si è infatti rilevata la necessità di mantenere aggiornati gli specialisti in medicina dello sport che effettuano le visite di idoneità nelle strutture pubbliche o private accreditate della Regione Toscana riguardo alla interpretazione del tracciato elettrocardiografico nello sportivo ed alle nuove tecniche diagnostiche e di imaging in modo da individuare cardiopatie silenti che possono controindicare l’idoneità cardiovascolare alle attività sportive agonistiche.
E’ quindi prevista la presenza di medici sportivi provenienti da tutta la Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.