Quantcast

Errore medico, Cisl: “Si rifletta su modello cure”

A seguito del recente episodio dell’operazione errata al rene di un paziente lucchese e che ha coinvolto due professionisti medici della sanità lucchese Cisl Fp e Cisl Medici della ex Usl 2 nell’esprimere vicinanza e partecipazione alle persone interessate, ritengono necessario, in attesa di quelle che saranno le decisioni degli organi competenti, riflettere su ciò che in campo sanitario può essere concausa di errore. “Più volte ed anche con interventi pubblici – dicono in una nota – Cisl Fp e Cisl Medici hanno evidenziato le problematiche che investono la sanità con il nuovo sistema organizzativo incentrato sul modello di intensità di cure , che , fatto passare come modello necessario per garantire i livelli di assistenza, in realtà a parere di queste organizzazioni sindacali pone al centro del sistema l’aspetto economico. Nei fatti l’intensità di cure ha portato ad investire sempre meno sul personale tanto che gli organici sono in ribasso, mentre i carichi di lavoro diventano ogni giorno più elevati con la conseguenza che il personale è costretto a lavorare a mo’ di catena di montaggio con il rischio di commettere errori. A questo si aggiungano aspetti quali l’impossibilità di fruire regolarmente delle ferie, il mancato riposo settimanale spesso spostato in altri periodi, lo stress che coinvolge il personale causa condizioni di lavoro inadeguate, eccetera”.

“La domanda che Cisl Fp e Cisl Medici si pongono è – conclude il sindacato – ma quando accadono errori la responsabilità è solo di chi li commette o nella ricerca della stessa responsabilità bisogna andare ad individuare anche altri fattori? Nel caso specifico si è parlato della necessità di rivedere certe procedure che forse hanno funzionato poco. Se verranno riviste ciò significa che forse non erano ottimamente adeguate. Solo una riflessione generale sul sistema organizzativo attuale e i necessari interventi sul modello intensità di cure possono portare al necessario miglioramento del servizio sanitario da offrire alla popolazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.