Entro l’anno i lavori per due nuove rotatorie foto

Variazione di bilancio, la giunta sottolinea l’importanza degli obiettivi raggiunti. Lo fa in Sala degli Specchi dove il sindaco Alessandro Tambellini e gli assessori Cecchetti, Pierotti e Marchini entrano nel dettaglio di cosa cambia, per la città, con la maxivariazione che prevede maggiori investimenti per 7 milioni di euro.

Due rotatorie in dirittura di arrivo
Due nodi cruciali per la viabilità cittadina presto potrebbero trovare una soluzione. Nel nuovo piano delle opere pubbliche, infatti, è stata finanziata per 130mila euro la rotonda davanti al Celide, in circonvallazione nella zona dei Macelli. Un intervento atteso da anni e il cui cantiere dovrebbe partire entro il 2016: “Si completerà così – spiega l’assessore Marchini – l’ultima opera che completa il percorso di velocizzazione verso l’ospedale in un crocevia che finora, è stato molto problematico per chi è chiamato ad affrontarlo. Un’opera che si aggiunge alla nuova rotonda a Porta Elisa che, dopo sei mesi dall’apertura, devo dire che sta funzionando a dovere anche dal punto di vista degli attraversamenti pedonali”.
Confermato che si concluderà entro l’anno, invece, la realizzazione della nuova rotatoria verso l’ospedale fra via di Tiglio e via Piaggia, per raggiungere l’ospedale, le poste e l’Iti: “I lavori – dice Marchini – partiranno a brevissimo, nel frattempo entro fine luglio sarà aperta la nuova viabilità di collegamento dell’ospedale San Luca con la via Romana e sarà aperto il nuovo parcheggio gratuito di servizio all’ospedale stesso. A questo punto manca solo il manto di usura e i lavori stanno proseguendo secondo il cronoprogramma previsto”.

Il Piuss e le destinazioni degli immobili
Il sindaco Alessandro Tambellini si sofferma in particolar modo sulla questione della ex Caserma Lorenzini, dove il Comune ha rescisso il contratto con la ditta appaltatrice e ora chiede indietro 700mila euro: “Lì – spiega il sindaco – è stato accertato un lavoro fatto per una certa cifra e un danno complessivo per un’altra cifra. Il Comune intende per questo tutelarsi e questo avrà effetto sulla polizza fideiussoria versata all’amministrazione”. Ancora in dubbio, però, il futuro dell’area, anche per la complessità delle procedure relative ai progetti Piuss: “Con la velocità con cui cambiano i contesti – dice il sindaco – non si può terminare un progetto dieci o 12 anni dopo secondo le previsioni determinate all’epoca da una mera manifestazione di interesse. Pochi considerano il livello di complessità che ha richiesto l’intera operazione Piuss, che avrebbe potuto mettere a rischio anche i conti del Comune, che ha contratto 17 ilioni di euro di mutuo, con il rischio della moltiplicazione della spesa”.
Alla ex caserma Lorenzini, comunque, è possibile che presto riapra un’area destinata a parcheggio: “L’area ovest – spiega Tambellini – deve diventare il secondo grande approdo per la città. Considerando i 500-600 posti previsti nell’area della ex Manifattura anche gli spazi all’ex Lorenzini diventano importanti a livello di progetto complessivo. Certo, questo dovrà essere accompagnato progressivamente dalla liberazione di alcune piazze del centro storico come ad esempio piazza Sant’Alessandro, che rappresenta l’inizio del romanico lucchese”. Ipotesi parcheggio anche a piazzale Risorgimento, sotto la statua che proprio in queste settimane è in via di ristrutturazione grazie ai fondi della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

L’attenzione alle periferie
Nel piano dei lavori pubblici così come modificato cresce l’attenzione alle periferie. Lo sottolinea lo stesso sindaco Alessandro Tambellini: “Il centro storico – dice – con gli ultimi lavori in via di realizzazione andrà presto a posto. Al Carmine i lavori partiranno entro quelche mese, stiamo portando avanti il recupero di altre aree, la Manifattura è in fase di recupero, stanno terminando gli interventi sulle Mura, dove presto saranno illuminate porta San Jacopo, dove non si interveniva da 40 anni e porta San Donato. Dopo per il centro sarà solo un problema di mantenimento”. “Ora – prosegue il primo cittadino – la nostra attenzionesi deve spostare sui quartieri periferici e in qualche modo ci stiamo già riuscendo. Si pensi al segnale che diamo con i lavori pubblici partecipati, all’attenzione verso l’edilizia scolastica e sportiva, ai marciapiedi e ai servizi per il cittadino, come i parcheggi”.
Quanto ai lavori pubblici partecipati, come chiosa Marchini “i primi cantieri che apriranno – dice – saranno quelli per il parcheggio a Ponte a Moriano, per le piste ciclabili in via Civitali e la messa in sicurezza della fermata del bus in via Ponte Guasperini”.

Il programma delle asfaltature
Particolare attenzione anche alle asfaltature, di cui è l’assessore Celestino Marchini a presentare il programma: “Per le asfaltature – dice – ci sono a disposizione circa 700mula euro. Alcune di queste sono già partite, si proseguirà con i lavori nelle tratta di circonvallazione in zona stadio, poi con vial Einaudi e viale Europa quindi, con gli ultimo 100mila euro con la risistemazione di alcune strade nella zona della Santissima Annunziata. Lavori, peraltro, che verranno fatti anche di notte per venire incontro ai cittadini e limitare i disagi”. Anche se non per tutti è così, come racconta a margine della presentazione il sindaco Alessandro Tambellini: “L’altra notte – racconta – una signora mi ha chiamato a casa alle 3,15 di notte, facendomi sentire alla cornetta il rumore dei lavori in corso e mi ha detto: io non riesco a dormire, non deve dormire neanche lei!”.
Sempre per limitare il più possibile i disagi ai cittadini la chiusura prevista per i lavori alle fognature nel borgo di Monte San Quirico verrà effettuata nella settimana a cavallo di ferragosto, esattamente fra il 9 e il 17.

Palasport, ritorno alla piena capienza e piscina anche per disabili
Fra gli interventi finanziati anche i 200 mila euro per la messa a norma del Palasport di via delle Tagliate, fondi che serviranno sia per il consolidamento della struttura in cemento armato sia per la sistemazione della piscina e la successiva riapertura: “Il palasport – assicurano il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici, Francesca Pierotti – tornerà alla capienza massima. Quanto alla piscina prometto che si provvederà anche all’eliminazione delle barriere architettoniche per permettere il regolare accesso anche ai disabili”.

Gli altri interventi
Via, grazie alla variazione di bilancio, anche per il primo lotto di lavori di riqualificazione delle arcate del cimitero monumentale, cui si aggiungono lavori ad altri quattro cimiteri cittadini come quelli di San Vito, Nave, Arancio e Sant’Alessio. “Il Comune in questo caso – spiega l’assessore Pierotti – si occuperà delle spese tecniche e degli espropri, mentre il resto è a carico della Gesam”.
Quanto all’edilizia scolastica “la priorità – spiega ancora Pierotti – è a piccoli interventi poco visibili ma di grande importanza. Fra questi spiccano gli interventi per il risanamento del cemento armato e quelli antisfondellamento, la prevenzione degli incendi negli asili nido e la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici.
L’assessore al bilancio, Enrico Cecchetti, ha ribadito, come aveva fatto ieri sera in consiglio comunale, che si tratta di una manovra “importante, concreta e prudente”. “Le risorse disponibili – ribadisce l’assessore – sono o proprie dell’ente o derivanti da nuovi mutui. Una manovra che, peraltro, ci permette di risolvere una serie di problematiche pregresse e di incrementare il fondo crediti di dubbia esigibilità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.