S. Lucia, oculistica in festa tra musica e mostra foto

Grande partecipazione oggi (17 dicembre) alle iniziative organizzate all’ospedale San Luca di Lucca dall’unità operativa di oculistica. In quanto primo sabato dopo la ricorrenza di Santa Lucia, protettrice della vista e invocata contro tutte le malattie degli occhi, si è infatti svolta nella cappella dell’ospedale la tradizionale messa per gli ammalati, i loro parenti e il personale.

La celebrazione è stata presieduta dall’arcivescovo di Lucca, monsignor Italo Castellani e concelebrata dal vicario episcopale e parroco dell’ospedale padre Giampaolo Salotti.
L’arcivescovo ha rivolto un affettuoso saluto ai pazienti, ai loro cari e ai molti operatori sanitari presenti ed ha ringraziato il direttore di oculistica Fausto Trivella e tutto il personale della struttura che opera ogni giorno per ridare luce ai malati ed ha auspicato che ogni cristiano guardi con l’occhio del cuore, per dare una speranza a tutte le persone che nel quotidiano si trovano in stato di necessità. Monsignor Castellani, tra l’altro, come consuetudine da domani (18 dicembre) inizierà a fare visita ai degenti, ai parenti e al personale dei vari settori del San Luca.
La hall dell’ospedale ha poi ospitato il suggestivo concerto della Florence Cello Ensemble, orchestra di violoncelli del Conservatorio Cherubini di Firenze, concertatore professor Lucio Labella Danzi, con musiche di Verdi, Davidoff, Arlen, Fauré, Villa-Lobos e Tschaikowsky.
E’ stata molto apprezzata anche la mostra La Toscana contro la cecità in Africa, allestita al primo piano sempre del San Luca e visitabile fino a venerdì (23 dicembre).
La giornata di festa in ospedale si è chiusa con la colorata invasione dei clown dottori di Ridolina, che anche quest’anno hanno effettuato un super tour di Natale nelle strutture sanitarie di Pisa (Santa Chiara) e Lucca (oltre al San Luca, la Rsa, Rsd e hospice di San Cataldo) e che in ospedale hanno realizzato concerti nella hall e in Pediatria, con l’animazione della Banda Bassotti di Lucca e della Sbanda ’78 di Chiesina Uzzanese.
La ricorrenza di Santa Lucia è stata anche l’occasione per stilare un bilancio dell’attività svolta dalla struttura di oculistica.
Tra il 2015 e il 2016 all’ospedale di Lucca il dottor Trivella e la sua squadra hanno effettuato circa 700 interventi di chirurgia orbito-palpebrale (ricostruttiva, post tumorale, oncologica). Il direttore dell’oculistica di Lucca svolge anche un’intensa attività di consulenza, sempre per la chirurgia orbito-palpebrale, per l’ospedale pediatrico Meyer e per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi.
Più in generale, l’ospedale San Luca si è distinto come centro tra i più importanti della Toscana per la cura di molte patologie dell’occhio, con oltre 4.000 interventi sul bulbo oculare. Ogni anno, poi, sono circa 300 gli interventi di chirurgia vitreo retinica, oltre 70 gli interventi per glaucoma e 25-30 gli interventi di trapianto di cornea. Sono, infine, in totale circa 27mila le prestazioni di attività ambulatoriale effettuate – oltre che a Lucca – a Castelnuovo Garfagnana, Barga (dove viene garantita anche la chirurgia della cataratta) e Turchetto. Trivella ha quindi ringraziato, per l’impegno e la professionalità, i medici ospedalieri e territoriali e il personale infermieristico di Oculistica e dei servizi collegati.
Presenti alla giornata, tra gli altri, anche il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini e il presidente della sezione di Lucca dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Massimo Diodati, che si sono uniti al ringraziamento al personale dell’oculistica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.