Quantcast

Acqua, Coldiretti: “Consorzio ha un ruolo essenziale”

Mentre il Consiglio Regionale della Toscana approva una mozione sul superamento dei Consorzi di Bonifica, la Commissione agricoltura della Camera ha approvato alla unanimità una risoluzione in merito agli interventi per fronteggiare la scarsità di risorse idriche ad uso irriguo, riconoscendo, tra l’altro, il ruolo essenziale dei Consorzi di Bonifica.

“Quanto approvato dalla commissione agricoltura della camera dei deputati è un ulteriore, importante passo verso una nuova cultura della responsabilità idrica – ha commentato Maurizio Fantini, direttore Coldiretti Lucca – siamo soddisfatti ed orgogliosi del riconoscimento al ruolo ed al lavoro dei Consorzi di bonifica, nei quali la nostra organizzazione ha sempre creduto fino dalle prime mosse della legge di riforma toscana del 2013, per la migliore gestione della risorsa acqua, per la programmazione e progettazione di nuove infrastrutture irrigue, per l’innovazione e la ricerca applicata nel campo del risparmio idrico”.
“I Consorzi di Bonifica toscani gestiscono un reticolo idrico di migliaia di chilometri – prosegue Fantini – e svolgono un ruolo essenziale nella gestione del regime idrico del territorio del quale si occupano con una azione quotidiana della quale ci si ricorda solo in presenza di eventi calamitosi come frane ed alluvioni. Certo occorre vigilare – continua Fantini – sulla congruità del tributo, che adesso pagano tutti i cittadini, sulla oculatezza delle spese, sulla trasparenza e l’informazione dei cittadini stessi, ma mettere in discussione un sistema efficiente come quello della bonifica che Erasmo D’Angelis, responsabile di ‘ItaliaSicura’, nel recente convegno organizzato da Coldiretti ed Anbi Toscana, ha indicato come un modello da esportare in tutto il Paese, ci sembra una assurda proposta che non giova né hai cittadini né alle imprese agricole”. Coldiretti condivide quindi quanto sostenuto dal presidente della Regione che ha ribadito come la legge toscana, varata nel 2013, sta andando a regime e le attività di manutenzione vengono svolte e sono sotto gli occhi di tutti.
“La profonda conoscenza del territorio e la tempestività degli interventi – spiega Fantini – sono una peculiarità dei Consorzi di Bonifica che gli rendono strumenti importanti per superare le crisi idriche come la recente del lago di Massaciuccoli nuovamente disponibile agli attingimenti a fini irrigui per i terreni agricoli dopo lo stop agli attingimenti reso necessario a causa delle perdurante siccità che aveva fatto scendere il livello del lago al di sotto dei livelli ritenuti compatibili con gli attingimenti. Tirano un sospiro si sollievo gli agricoltori che coltivano soprattutto ortaggi nei 500 ettari di terreni agricoli circostanti il lago e che vengono irrigati dalle sue acque. La soluzione individuata grazie all’azione del Consorzio di Bonifica Toscana Nord – conclude – consiste nella riattivazione di una idrovora in località Ponte a Serchio che consentirà il prelievo di acqua dal fiume Serchio per immetterla presso il canale Barra e da qui all’interno del Lago di Massaciuccoli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.