Musica e storia dell’arte, al via ciclo di incontri

Si chiama La pittura che suona il nuovo progetto didattico-culturale ideato da Linda Severi in partenza sabato 3 marzo alle 16 al museo di Villa Guinigi di via della Quarquonia. Gli incontri saranno a ingresso libero e verranno strutturati come colloqui con spiegazioni pratiche, accompagnati da proiezioni ed esecuzioni musicali. Interverranno storici dell’arte, musicisti, musicologi, liutai, che leggeranno in modo semplice e divulgativo immagini scelte dell’iconologia e dell’iconografia degli strumenti musicali nella storia dell’arte, e in particolare delle pittura dal Medioevo al Rinascimento.

A curare il progetto, l’associazione Concentus Lucensis insieme alla sede Siem di Lucca in collaborazione con enti e istituzioni del territorio. Si parte dall’analisi di alcune opere di cui saranno illustrati gli aspetti pittorico-formali più salienti e l’inquadramento storico, come i significati simbolici e allegorici legati alla rappresentazione di strumenti musicali. Trombe, tamburi, darabukke, cornamuse, zampogne, viole, vielle, arpe, salteri, ribeche, buccine, rabab, flauti e cialamelli sono portatori, se rappresentati in un’opera d’arte, di messaggi che vanno oltre la semplice immagine. A questo si aggiunge l’idea di dare suono all’immagine pittorica, ricreando dal vivo in modo evocativo e filologico al tempo stesso lo sfondo sonoro che il dipinto vuole raccontare, anche attraverso l’esecuzione di brani contestuali alle rappresentazioni iconografiche proposte. Hanno dato la loro disponibilità a contribuire al progetto il direttore della Fondazione Ragghianti, Paolo Bolpagni, per la storia dell’arte; l’architetto Mauro Lovi, che è anche coordinatore artistico del progetto, per le tecniche pittoriche; Francesca Mascolo e Stefano Albarello (che con Linda Severi hanno il ruolo di coordinatori musicali e didattici) per la storia della musica e degli strumenti; Daniele Poli per la tecnica della liuteria. Le esecuzioni dei brani musicali saranno affidate a Concertus Lucensis. Un’occasione di formazione riconosciuta dal Miur per gli insegnanti, che potranno iscriversi al corso scrivendo a siemlucca@gmail.com. Il programma completo dei cicli di dialoghi tra musica e arte, che va da marzo a settembre, è disponibile in allegato. Per i primi due incontri è obbligatoria la prenotazione sempre all’indirizzo siemlucca@gmail.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.