Il ministro: i bulli non siano ammessi agli scrutini

Gli studenti dell’Itc Carrara che hanno insultato, minacciato e ripreso il prof mentre veniva offeso non devono essere ammessi agli scrutini. A dirlo è il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli secondo cui il prof avrebbe dovuto denunciare subito l’episodio. “Mi è dispiaciuto – ha detto al Tg com 24 – che il professore di Lucca, un minuto dopo aver subito l’aggressione, non sia andato a chiedere al preside di convocare il consiglio dei docenti, per sospendere e sanzionare” gli allievi: “non bisognava sottovalutare l’episodio. Ci sono situazioni in cui il rapporto fisico ti fa soccombere ma un minuto dopo devi denunciare”.

“Il tema – ha spiegato la ministra Fedeli – non è usare il linguaggio del pugno di ferro ma minacce e offese sono inaccettabili: serve una linea rigorosa e l’attuazione delle sanzioni già previste: di fronte ai fatti di Lucca e Velletri gli studenti vanno sospesi, il consiglio d’Istituto valuta la gravità, che secondo me c’è, e deve esserci la sanzione fino alla non ammissione agli scrutini finali. Le regole ci sono e vanno applicate: non si possono accettare comportamenti come questi; lo dico non solo per questi due casi”.
Fedeli ha ricordato che “ci sono due temi su cui mi sono impegnata: la prevenzione, l’educazione al rispetto; ho mandato in tutte le scuole una campagna per il rispetto e ho operato perché si rilanci il patto di corresponsabilità educativa tra scuola e famiglia. Questi ragazzi vivono nella società e vedono comportamenti che hanno in qualche modo legittimato, anche dai genitori. Un mese fa un genitore ha aggredito un docente perché
questi faceva il suo lavoro”. Gli autori di questi gravi episodi dunque, “vanno sospesi e non fatti arrivare agli scrutini finali: quando si delegittima la funzione dei docenti, si delegittima la funzione educativa dell’adulto in famiglia, quindi dei genitori. Vanno seguiti, accompagnati e rieducati ma le sanzioni vanno prese in considerazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.