Paladini Civitali, docenti in piazza: ‘Troppi disagi’

Una manifestazione sabato 20 ottobre in piazza San Michele per protestare sulla situazione provvisoria degli istituti Civitali e Paladini. E’ quanto stabilito nella mozione che all’unanimità ha votato l’assemblea sindacale del personale docente e Ata del Carrara Nottolini Busdraghi e del Machiavelli Civitali Paladini che si è tenuta lo scorso martedì (2 ottobre) con la partecipazione di oltre 90 lavoratori.

“L’assemblea – si legge nel verbale – ritiene insoddisfacente l’esito dell’incontro delle Rsu con il presidente Menesini, finalmente svoltosi l’1 ottobre, dopo una lunga fase di sostanziale chiusura al confronto democratico con le Rsu democraticamente elette, con le organizzazioni sindacali e con gli organi collegiali delle due scuole. Infatti, il presidente ha chiaramente opposto un netto rifiuto alla richiesta di garantire nel corso del corrente anno scolastico un numero di aule pari al numero di classi più i laboratori da usare senza rotazioni, motivandola con l’indisponibilità di fondi. Pur confermando la propria contrarietà alla “scuola nei prefabbricati”, ma considerando oramai irreversibile tale scelta, l’assemblea sottolinea che si tratterebbe di una spesa limitata al costo del noleggio e del montaggio di uno o due moduli in più per garantire al Carrara e al Civitali le 8 aule mancanti. Ciò conferma che la logica del risparmio di fatto viene considerata politicamente prioritaria rispetto alla garanzia del diritto all’istruzione costituzionalmente garantito. L’ assemblea ribadisce che la scelta del modello organizzativo spetta alle Istituzioni scolastiche autonome, in particolare al consiglio d‘Istituto, al collegio dei docenti, al dirigente scolastico e, per gli aspetti contrattuali, alle Rsu. Non è di competenza della Provincia scegliere un modello di organizzazione del lavoro basato su un numero di aule inferiori al numero di classi con l’uso a rotazione delle aule stesse e/o dei laboratori. Imporre tale modello semplicemente sottraendo delle aule è un atto sostanzialmente non democratico”.
“Nel merito – si legge ancora nel verbale – tale modello organizzativo non garantisce un’efficace azione didattica: infatti, non si può fare lezione ordinaria in un laboratorio che è dispersivo, ha effetti negativi sulla concentrazione e, soprattutto, rende difficile la didattica interattiva; viene di fatto ridotta o impedita l’attività laboratoriale per le materie professionalizzanti; la continua rotazione delle classi riduce significativamente il tempo effettivo di lezione e crea problemi per la vigilanza degli alunni e rischi per le attrezzature di laboratorio. L’emergenza rischia di diventare normalità se tale situazione si protrarrà per tre anni. L’assemblea non ritiene credibile l’impegno del presidente Menesini a consegnare entro settembre 2019 il padiglione ospedale, i cui lavori sono sospesi da un anno per una lite giudiziaria in corso. Ma anche se fosse così quel padiglione è destinato al Nottolini che ha numerosi laboratori, per cui si troverebbero a convivere Carrara, Nottolini e Civitali e l’imposizione delle rotazioni continuerebbe, seppur in modo più limitato. Inoltre, il tutto deve essere conciliato con l’avvio dei lavori, finanziati per il triennio 2019-21, al padiglione centrale, che deve essere completamente demolito e ricostruito e che ospita, oltre alle aule, anche biblioteca, presidenza e segreteria”.
“Nella discussione sono emersi una serie di problemi specifici – entrano nel dettaglio docenti e personale Ata – ovvero il disagio del personale Ata con la segreteria del Machiavelli costretta a reperire i documenti ripartiti tra due sedi (in prospettiva tre sedi) e a chiedere l’autorizzazione ogni volta che deve recarsi al Paladini; l’esigenza che i prossimi lavori al Machiavelli siano svolti in condizione di sicurezza; l’infiltrazione di acqua nei nuovi prefabbricati; l’attesa per i lavori di imbiancatura degli spazi esigui ricavati dall’ufficio tecnico del Carrara e dalla “sala mummie”; la difficoltà particolare a fare lezione nell’atrio in cui è stato ricavato il laboratorio moda per la mancanza di soffitto e pareti e la particolare deconcentrazione degli studenti per il continuo passaggio di persone; l’assurdità della situazione all’agrario, in cui la nuova sede (che doveva essere disponibile dalla primavera 2018) non è ancora utilizzabile perché è ancora vigente il vecchio certificato di inagibilità e non ancora disponibile il nuovo certificato, con il paradosso che siamo costretti a far lezione nella vecchia sede pur essendo pronta la nuova”.
“Per tutte queste motivazioni – è la conclusione – e, in particolare, per rivendicare un numero di aule pari al numero delle classi più i laboratori senza rotazioni, l’assemblea sindacale, le Rsu e le organizzazioni sindacalli firmatarie deliberano lo stato di agitazione, decidendo come prima tappa l’indizione di una manifestazione per sabato 20 ottobre alle 15 in P.zza San Michele. L’assemblea invita a partecipare i docenti e il personale Ata di tutte le scuole di Lucca, i genitori, gli studenti e tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti della scuola pubblica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.