Stalli per disabili, ok unanime al regolamento

Ecco come verranno assegnati i posti auto personalizzati

Via libera all’unanimità in consiglio comunale al nuovo regolamento per la concessione degli stalli di sosta personalizzati per i disabili. Dopo le polemiche e mesi di gestazione vede finalmente la luce il disciplinare che regolamento la materia. La pratica è stata illustrata questa sera (21 gennaio) dall’assessore alla sosta Celestino Marchini: “Abbiamo cercato di migliorare la situazione esistente venendo incontro alle richieste dei cittadini”.

L’assessore ha chiarito bene le novità e illustrato i requisiti per il rilascio di questi posti auto “speciali”. Accanto al percorso ‘automatico’ per l’assegnazione del posto alle persone con disabilità abilitate a condurre un’autovettura, e quindi dotate di patente speciale e di veicolo speciale, il regolamento infatti introduce la possibilità di assegnazione riservata anche a persone in condizioni di grave disabilità, che comprometta l’autonoma capacità di deambulazione.In tutti i casi il posto verrà assegnato a condizione che il richiedente non abbia già la disponibilità di un garage o di uno spazio privato di sosta. Le domande saranno esaminate da una commissione che sarà composta dal comandante della polizia municipale, dal dirigente dell’ufficio traffico, dal dirigente del settore servizi sociali, da un medico legale dipendente dell’azienda Usl, e dal garante delle persone con disabilità o, qualora non sia ancora nominato, da un membro designato dalle associazioni di categoria.

L’istruttoria riguardante la concessione di stalli di sosta personalizzati dovrà tassativamente concludersi entro novanta giorni dal ricevimento della domanda.

“Il percorso per arrivare a questo regolamento – ha osservato il presidente della commissione sociale Pilade Ciardetti – è stato condiviso da parte delle associazioni e dai membri del tavolo della disabilità”.

“Finalmente – ha detto la consigliera di Siamo Lucca Cristina Consani – si arriva al voto di questo regolamento che ha visto una lunga gestazione, e che ha coinvolto le associazioni, le stesse che avevano sottoposto all’attenzione del Comune i disagi e le difficoltà, dopo la revoca degli stalli nella primavera del 2018. Ricordo la raccolta di firme e i sit in sotto al Comune, portate avanti da Luccasenzabarriere che si è battuta per ottenere questo risultato. Sicuramente è un risultato che denota la sensibilità da parte dell’amministrazione che invitiamo comunque ad impegnarsi ad eliminare le tante barriere architettoniche che ci sono a Lucca”.

Per il consigliere comunale di Casapound, Fabio Barsanti, “è stata decisiva la convergenza che c’è stata” fra ente locale e cittadinanza per giungere al nuovo regolamento. “Secondo noi è giusto parlare del merito delle associazioni perché siamo stati messi di fronte ad una protesta forte portata avanti e che è riuscita a stimolare l’amministrazione comunale nel migliorare uno strumento”.

Per Alessandro Di Vito, consigliere di Siamo Lucca, “è un ottimo risultato quello raggiunto questa sera, ma speravamo che si arrivasse prima al nuovo regolamento”.

Per Donatella Buonriposi, consigliera comunale di Lei Lucca, “un regolamento atteso e importante, ma è necessario chiarire fin da subito come e chi effettuerà i controlli”.

L’assessore al sociale Valeria Giglioli ha espresso soddisfazione per il regolamento e ha fatto il punto sugli sviluppi futuri: “Per il garante della disabilità, siamo al rush finale. Per quello che le barriere architettoniche si lavorerà per la loro eliminazione”.

Per il consigliere M5S, Massimiliano Bindocci, è il momento di evitare “trionfalismi”: “All’amministrazione ricordo i sit in sotto al Comune e persone che desideravano parlare in questo consiglio comunale e a cui fu impedito di farlo. In futuro magari sarebbe opportuno ascolarle le voci della cittadinanza”.

Per Remo Santini, capogruppo di Siamo Lucca, “quando questi risultati nascono dal basso, dalla cittadinanza, portano a soluzioni importanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.