Studenti di Mutigliano simulano una cooperativa per promuovere il recupero dell’organo di Puccini foto

Via al progetto all'istituto comprensivo Lucca 4. Oggi la presentazione alla pieve dei Santi Ippolito e Cassiano

Anche la provincia di Lucca si è resa protagonista, grazie alla partecipazione della scuola secondaria di primo grado Massei di Mutigliano dell’Istituto comprensivo Lucca 4, del progetto regionale Ics (Impresa cooperativa simulata) promosso da Confcooperative Toscana e dalla Federazione Toscana delle Banche di credito cooperativo,

Il progetto, coordinato a livello regionale della responsabile dei progetti scolastici di Confcooperative Ilaria Sguazzoni, è finalizzato alla simulazione di un’impresa cooperativa che valorizzi la progettualità già in atto nella sede scolastica e il territorio in cui essa è inserita, mettendo al centro lo spirito di iniziativa degli alunni e per questo ogni scuola partecipante adotta un progetto specifico a cui lavora la propria Ics.

Gli alunni della scuola media di Mutigliano, dove ormai da 18 anni è attivo un progetto musicale particolarmente attento alla figura di Giacomo Puccini e all’intero patrimonio musicale lucchese, hanno deciso di finalizzare la loro Ics alla promozione del recupero dell’organo della chiesa locale, la pieve dei Santi Ippolito e Cassiano.

Tale organo, infatti, è stato suonato proprio dal maestro Puccini negli anni della sua giovinezza e, proprio grazie alla “confidenza” con tale strumento, pare che vi abbia addirittura composto alcune opere recentemente ritrovate attualmente allo studio degli esperti, oltre che descriversi agli amici come “il guitto organista di Mutigliano”.

Nel caso specifico, si tratta di un organo rurale che al momento non può essere suonato per le condizioni di abbandono in cui versa, ed è rimasto l’unico in tutto il territorio lucchese tra quelli utilizzati da Puccini a non essere funzionante, “dimenticato” probabilmente per la sua ubicazione decentrata in campagna.

Anche per questo motivo l’Impresa cooperativa simulata che gli alunni di Mutigliano hanno costituito con impegno e passione ha come scopo la sensibilizzazione del recupero e restauro dell’organo, visto come risorsa per l’intero territorio, in quanto concreta attrazione turistica legata ai percorsi pucciniani e per l’Istituto scolastico stesso, al quale appartiene la medesima pieve dei Santi Ippolito e Cassiano dove si tiene ogni anno il concerto conclusivo del progetto musicale Accordiamoci per Concertare, quest’anno in programma il 15 maggio, senza contare la possibilità di essere inserito tra gli organi selezionati per i concerti legati alle iniziative musicali del territorio lucchese e non solo.

La costituzione dell’Impresa cooperativa simulata è avvenuta alle 10,30 di oggì (17 febbraio) proprio nella stessa chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano di Mutigliano in cui l’organo è custodito.

A dimostrazione dell’importanza dell’iniziativa era presente la dottoressa Claudia Fiaschi, vicepresidente nazionale di Confcooperative e presidente di Confcooperative Toscana insieme ad Alessia Biondi responsabile provinciale del progetto ed Elisa Guazzelli della cooperativa La Gardenia in qualità di esperta referente sul territorio del progetto di Mutigliano.

Il sostegno alla costituzione dell’Impresa è stato assicurato dal dottor Luca Silvestrini della Banca di Credito Cooperativo di Pescia e Cascina in rappresentanza della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo, impegnate da molti anni a sviluppare l’educazione e lo spirito cooperativo nelle scuole.

Dopo un’introduzione curata dal dottor Aldo Berti, da anni studioso di Puccini e autore tra l’altro del volume Puccini a Mutigliano, pubblicato da Maria Pacini Fazzi editore (un capitolo è dedicato proprio a questo strumento che fu costruito dall’organaro Michelangelo Crudeli di Terni nel 1784 e per questo sicuramente tra i più antichi presenti sul territorio), due alunni della scuola hanno illustrato il progetto ai presenti e presentato il logo ideato appositamente per l’occasione.

Hanno quindi preso la parola per condividere lo spirito dell’iniziativa il parroco don Alberto Brugioni, seguito da Ilaria Vietina (assessore alle politiche formative) e Valentina Mercanti (assessore al commercio e attività produttive).

L’incontro, a cui erano presenti, oltre alle classi seconde della scuola accompagnate da alcuni insegnanti, anche il presidente del consiglio di istituto Daniele Cianchi e i consiglieri comunali Chiara Martini, Francesco Lucarini e Serena Borselli, si è concluso con i ringraziamenti della dirigente scolastica dottoressa Emilia Ciampanella che, nell’associarsi ai complimenti di coloro che l’hanno preceduta, ha sottolineato l’importanza di essere protagonisti attivi nella società che ci circonda e nell’ambiente in cui viviamo, elogiando la bellezza del nostro territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.