Garante dice no agli sconti per la sosta dei bus turistici con le guide lucchesi

Comune sospende le agevolazioni. Ragghianti: "Allo studio soluzioni per non colpire un comparto già sofferente"

L’autorità garante della concorrenza e del mercato ha imposto al Comune di Lucca, insieme ad altri Comuni, di rivedere il piano tariffario per la sosta dei bus turistici, eliminando la disparità di trattamento fra le guide turistiche che hanno la propria sede di lavoro a Lucca e che finora hanno goduto di una riduzione del 20 per cento sulla tariffa intera, e quelle che invece provengono da fuori provincia, che corrispondono il prezzo intero.

La giunta, con una delibera di martedì scorso (25 febbraio), ha dunque equiparato tutte le tariffe dei bus turistici, eliminando la previsione di sconto per quelli che prenotano il servizio di guida nell’ambito territoriale della provincia di Lucca.

“Con questo atto – spiega l’assessore al turismo Stefano Ragghianti – allo scadere dei termini di trenta giorni che avevamo a disposizione, abbiamo dovuto rispondere ai rilievi del Garante della concorrenza”. “La revisione si colloca in un frangente difficilissimo per l’economia locale, oltre che nazionale, legato all’emergenza coronavirus. Per questo – conclude Ragghianti – inseriremo il provvedimento all’interno del confronto con le categorie economiche in programma lunedì prossimo, per valutare insieme la possibilità di recuperarlo in un pacchetto più ampio di sostegno allo sviluppo del territorio lucchese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.