Emergenza virus, Sistema Ambiente garantisce copertura assicurativa a dipendenti

Presidente Romani: "Abbiamo adottato tutte le precauzioni necessarie per proteggerli in anticipo rispetto alle disposizioni emanate dalla Regione"

I dipendenti di Sistema Ambiente saranno coperti da una polizza assicurativa per i rischi da Covid-19. La notizia ariva dall’azienda di igiene ambientale, che ha sottoscritto l’accordo e si impegna a garantire un sostegno economico tangibile agli eventuali contagiati da coronavirus.

“Nessuno di noi è al sicuro – commenta il presidente di Sistema ambiente, Matteo Romani – e non lo sono neanche i nostri operatori che quotidianamente continuano a tenere pulita la città, le strade e le piazze”.

“Abbiamo adottato tutte le precauzioni necessarie per proteggerli – commenta – con largo anticipo rispetto alle disposizioni emanate dalla Regione Toscana e dalle aurorità competenti: per evitare sovraffollamenti negli spogliatoi abbiamo organizzato più turni per la raccolta del porta a porta, abbiamo fornito tute, maschere e guanti per evitare il contagio e stiamo proseguendo con la sanificazione delle strade, dei mezzi e, più in generale, di tutti gli strumenti con cui lavorano i nostri operatori, Garby ed isole interrate compresi. Qualora tutto questo non fosse sufficiente, abbiamo voluto garantire un sostegno economico alle famiglie, fornendo una copertura assicurativa che riteniamo possa essere di grande aiuto”.

Il piano sanitario integrativo sviluppato da Cassinterass, attraverso il partner assicurativo Generali, assicura un’indennità giornaliera pari a 100 euro per ogni giorno di ricovero superiore al settimo causato da Covid-19, per un massimo di ulteriori 10 giorni (rimborso totale 1000 euro), un’indennità di convalescenza di 3mila euro corrisposta alla dimissione dall’istituto di cura a seguito di ricovero in terapia intensiva causato da infezione da coronavirus, e un pacchetto di assistenza post-ricovero che comprende l’invio di un medico generico, il trasporto in autoambulanza e dal pronto soccorso al domicilio, il trasferimento dall’istituto di cura a casa, l’invio di una collaboratrice familiare, baby e dog sitter, l’accompagnamento del figlio minore a scuola e la consegna della spesa a domicilio.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.