“La strana primavera”, la poesia della piccola Denise ai tempi del coronavirus

La bambina: "Sarà primavera per me quest'anno quando potrò riabbraciare ogni compagno"

Più informazioni su

Primavera in “quarantena” guardando prati e parchi dalle finestre della cameretta. A soffrire di più per questa emergenza sono proprio i bambini che, lontani da amichetti e compagni di scuola, cercano di passare il tempo in casa come meglio possono, sfogando spesso emozioni e pensierini con carta e penna e riuscendo a strappare un sorriso a genitori e nonni.

E un sorriso al nonno lo ha strappato anche la piccola Denise M., studentessa di quarta elementare alla primaria di San Concordio, che in questi giorni si è dedicata all’arte più difficile di tutte: la poesia.

21 marzo ed è già primavera…una strana primavera“, scrive la piccina sul suo quaderno.

“Si resta a casa dalla mattina alla sera, a causa di un minuscolo esserino

che ha rovinato la primavera di ogni bambino!

Adesso vorrei correre nel cortile della scuola

urlando con i miei compagni a squarciagola!

E invece son qui a guradare fuori

il mondo che si tinge di colori,

quelli dei fiori che spuntano nei prati

…e noi qui tutti rattristati!

Sarà primavera per me quest’anno 

quando potrò riabbraciare ogni compagno!”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.