Quantcast

Ambiente e cambiamenti climatici, avanti il progetto dell’Isi Machiavelli

Anche se a distanza va avanti il percorso della scuola attivato con gli studenti

Quest’anno, in occasione del 50esimo anniversario dell’Earth Day, la maggior parte della Natura era “chiusa” per gli abitanti del pianeta a causa dell’isolamento imposto dal Covid 19.

“Nell’ottica di continuare a promuovere e rivestire un ruolo non soltanto educativo, ma anche proattivo all’interno della società, l’Isi Machiavelli prosegue la scelta e l’impegno di promuovere – anche durante il periodo della didattica a distanza – spiega la scuola – percorsi e approfondimenti in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e in accordo con le direttive Unesco per un’educazione di alta qualità”.

La dirigente scolastica Cristina Pettorini illustra le iniziative messe in cantiere dalla scuola:  “Proseguono fino alla fine dell’anno scolastico, in modalità online, i percorsi dedicati alle buone pratiche, alla consapevolezza di sé e del pianeta e alla promozione della salute secondo le direttive dell’Oms con il progetto Gaia Network, lezioni di approfondimento dedicate alla salvaguardia del pianeta e alla sostenibilità ambientale, ai comportamenti virtuosi a sostegno del pianeta, consumi intelligenti e scelte alimentari. Continuano inoltre gli incontri approfondimento di carattere giuridico-economico in merito a temi della disuguaglianza di genere, delle politiche di sviluppo sostenibile, crescita economica e produzione responsabile”.

Gli incontri sono svolti e promossi dalle docenti professoressa Paola Torti (insegnante area giuridico-economica e sostegno e docente formatore progetto Gaia Network), dalla professoressa Rosarìta Palomba (insegnante di scienze naturali) e dalla professoressa Lucia Del Chiaro (insegnante di scienze naturali).

“Ogni iniziativa che testimonia amore e rispetto per Madre Terra – spiegano dalla scuola -, racchiude in sé l’opportunità di essere parte attiva di un cambiamento che parte da noi stessi e può abbracciare l’intero pianeta, anche e soprattutto in un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo e che ci accomuna tutti indistintamente. Dare spazio e rilevanza nei percorsi scolastici a questi temi – anche e soprattutto durante l’esperienza della didattica a distanza – vuol dire farsi promotori di questo possibile cambiamento e crederci, portandolo avanti con iniziative concrete”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.