Emergenza Covid, chiesta sospensione dell’aumento Tefa 2020

Approvato ordine del giorno: l'aliquota del tributo ambientale dovrebbe salire dal 4% al 5%

Slittamento al 2021 per lo scatto dell’aliquota sul Tefa (il Tributo per l’esercizio delle funzioni ambientali che spetta alle Province) dal 4 per cento al 5 per cento.

È questo, in sostanza, l’obiettivo dell’ordine del giorno presentato dal capogruppo di maggioranza Iacopo Menchetti della lista Provincia civica e democratica con Menesini illustrato in consiglio provinciale ieri (11 maggio) a margine della discussione del bilancio di previsione pluriennale della Provincia di Lucca, e approvato coi voti della maggioranza, mentre i quattro consiglieri di opposizione si sono astenuti.

L’aumento dell’1 per cento dell’aliquota del Tefa è già stato ratificato da molte amministrazioni provinciali anche per far fronte al drastico taglio dei trasferimenti statali degli anni scorsi e per cercare di far quadrare i bilanci degli enti.

La Provincia di Lucca, invece, ha mantenuto finora l’aliquota sotto la soglia massima prevista per legge e il documento della maggioranza punta a contenerla al 4 per cento ancora per un altro anno a seguito dell’emergenza coronavirus e della conseguente crisi economica che ha colpito indistintamente famiglie, piccole e grandi aziende.

L’obiettivo, infatti, è quello di non gravare ulteriormente sui bilanci dei Comuni del territorio e delle famiglie anche se l’incremento tariffario è stato stabilito dal Decreto legge 124/2019 poi convertito nella legge 157 del 2019 (cosiddetto Decreto fiscale).

Tale disposizione normativa ha infatti modificato la disciplina del tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente (Tefa), già recata dall’articolo 19 del decreto legislativo 504/1992, stabilendo che, salvo diversa deliberazione da parte della singola Provincia, a decorrere dal 1 gennaio, la misura del tributo fosse fissata al 5 per cento del prelievo collegato al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani stabilito da ciascun Comune, ai sensi delle disposizioni vigenti in materia.

L’ordine del giorno approvato dal consiglio provinciale di Lucca impegna il presidente della Provincia Menesini a promuovere la richiesta di sospensione o rinvio dell’incremento dell’aliquota dei parlamentari del territorio provinciale al fine di formulare i conseguenti e necessari provvedimenti legislativi.

Il documento chiede, inoltre, che nel caso venga accolta la proposta, le Province che aderiscono a questa possibilità siano comunque ristorate delle mancate entrate del trasferimento corrispondente dalla Tefa.

Il minor gettito derivante dal rinvio dell’aumento del Tefa per la Provincia di Lucca è stato stimato per il 2020 in circa 1 milione di euro.

Respinto, invece, dal consiglio provinciale un ordine del giorno sullo stesso argomento presentato dai consiglieri Riccardo Giannoni e Mirco Masini della lista Alternativa civica centrodestra.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.