Riaperture solidali e sostenibili, 13 associazioni unite per il ‘Manifesto della ripresa’

La lettera ha raccolto, tra le altre, le adesioni di Cgil Lucca, Caritas Diocesana Lucca e del gruppo locale di Amnesty International

Oggi (4 giugno) 13 associazioni lucchesi hanno firmato la lettera Manifesto per la ripresa – Per una Lucca veramente sostenibile per tornare alla normalità in modo equo e responsabile.

La lettera, indirizzata all’amministrazione comunale, contiene tre principi che devono guidare le politiche cittadine in questi fondamentali giorni di riapertura, per fare appunto della città un posto più giusto, solidale, e sostenibile.

“Passati i giorni più terribili dell’epidemia ci siamo sentiti in dovere di raccogliere le lezioni che abbiamo imparato da questo periodo, creando una visione della Lucca che vorremmo vedere. È importante ripartire bene. Solo una ripresa sostenibile può rendere la nostra città più resiliente alle future crisi e risolvere i problemi sociali che il virus ha reso evidenti”, commentano i portavoce di Earth Strike Lucca e Fridays for Future Lucca, promotori del manifesto.

Le politiche di ripresa, sostiene la lettera, dovranno essere in chiave “emissioni zero”, sostenendo i produttori locali, e non lasciando indietro nessuno. Il manifesto pone infatti l’accento sulle disuguaglianze sociali che il periodo di quarantena ha reso impossibile ignorare.

La lettera ha raccolto, tra le altre, le adesioni di Cgil Lucca, Caritas Diocesana Lucca, e il gruppo locale di Amnesty International. La lista completa dei firmatari: Earth Strike Lucca; Fridays for Future Lucca; Lillero – Il vero Mercato del baratto; Caritas Diocesana Lucca; Mercato mercoledì bio; Coop Solidando equinozio; Cgil Lucca; Casa Alfa; LuccAut; Amani Nyayo; Amnesty international, gruppo di Lucca; Aeliante e Centro Zerka T. Moreno di Lucca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.