Priorità alla scuola, nuovo presidio in piazza Guidiccioni

L'appuntamento è per martedì (9 giugno) alle 17 davanti all'Ufficio scolastico provinciale

“Addio alla didattica a distanza”. E’ questo il motto che fa da colonna sonora al nuovo presidio indetto per chiedere la riapertura in sicurezza delle scuole a settembre. Martedì (9 giugno) alle 17 in piazza Guidiccioni di fronte all’Ufficio scolastico provinciale saranno presentati i punti della lettera aperta lanciata i giorni scorsi da Priorità alla scuola Lucca. Una voce unica che racchiude le parole del Comitato nazionale docenti precari, del Coordinamento nazionale precari scuola, Cobas Lucca, Usb Lucca e Potere al popolo Lucca.

“Ricordiamo che per riaprire a settembre le scuole in sicurezza e senza dad è necessario ora: ridurre il numero degli alunni per classe per poter garantire il distanziamento; assumere i docenti con 36 mesi di servizio e gli Ata con 24; un piano straordinario di investimenti per la scuola per l’edilizia scolastica  (ristrutturazione dell’esistente e ricerca di nuovi spazi) e per l’ampliamento degli organici – spiegano da Priorità alla scuola -. A tal fine vanno destinati alla scuola una parte significativa dei 170 miliardi di euro che arriveranno dall’ue, in buona parte come trasferimento a fondo perduto. Invece, il ministero taglia le classi applicando i vecchi criteri e il governo stanzia solo 1,5 miliardi prevalentemente ancora per la dad”.

Nel frattempo continua la campagna di adesione alla lettera, che sarà inoltrata anche al Miur, all’Usr della Toscana e alle autorità locali e regionali e che ha già raggiunto circa 200 adesioni. “Tutta la cittadinanza, e in particolare insegnanti, personale Ata, studenti e genitori, sono invitati ad aderire alla lettera e partecipare al presidio”, concludono gli organizzatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.