Quantcast

Rifiuti, parte il servizio decoro in centro storico foto

Pulizia speciale per Garby, isole interrate e cestini. Sistema Ambiente acquista nuovo sistema di sanificazione in grado di abbattere il Covid

È partito oggi il servizio decoro nel centro storico, il nuovo progetto, organizzato da Sistema Ambiente su richiesta dell’amministrazione comunale, direttamente collegato alla pulizia e alla cura dei Garby, delle isole interrate e dei cestini presenti dentro le Mura. Lo scopo è semplice: tenere pulita la città e verificare che i cittadini utilizzino in modo corretto i Garby.

Due operatori, dal lunedì alla domenica, dalle 6 alle 24, gireranno per il centro storico e controlleranno in modo specifico proprio i Garby, le isole ecologiche fuori terra. Sarà loro il compito di rimuovere i sacchetti abbandonati intorno ai contenitori o ai cestini e segnalare eventuali problemi, con il duplice intento di aumentare ulteriormente il decoro cittadino e contrastare attivamente la pratica incivile di chi abbandona rifiuti per strada.

“I Garby hanno comportato una vera e propria rivoluzione in centro storico – spiega l’assessore all’ambiente, Francesco Raspini -.Un cambiamento necessario che ci ha permesso di eliminare definitivamente la stenderia di sacchetti e di offrire un servizio ancora più di qualità e ancora più puntuale ai residenti: non esiste più il calendario, le persone possono conferire quando vogliono, i Garby sono dislocati in modo capillare, così che sia comodo raggiungerli e utilizzarli, insieme con le isole interrate. Oggi miglioriamo ulteriormente il progetto con l’introduzione del servizio decoro, che nasce proprio per tenere puliti i Garby e controllare che non si formino abbandoni nelle loro vicinanze. Allo stesso tempo continuiamo con i controlli della polizia municipale, proprio per scoraggiare i residenti ad abbandonare rifiuti. Sono tutte parti del medesimo progetto, che vuole rendere Lucca una città sempre più ecologica ed ecosostenibile, capace di raggiungere traguardi sempre più importanti per quanto riguarda la raccolta differenziata e impegnata a offrire ai cittadini servizi ancora più puntuali”.

I Garby stanno funzionando molto bene, i cittadini utilizzano le isole fuori terra, a volte ci segnalano alcuni problemi e noi interveniamo con tempestività – aggiunge la dirigente tecnica di Sistema Ambiente, Caterina Susini – Siamo tornati a pieno regime anche con il personale e questo ci permette di intensificare i passaggi degli svuotamenti, soprattutto per quanto riguarda il multimateriale che tende a riempirsi più velocemente. Ogni Garby è direttamente collegato al tablet degli operatori: in questo modo il personale in servizio sa esattamente su quale Garby ci sia più urgenza di intervenire per andarlo a svuotare. Detto questo, però, mi preme ricordare ai residenti e alle utenze del centro storico due aspetti fondamentali: il vetro va conferito sfuso e va buttato nel contenitore dedicato. Non è possibile trovare bottiglie di vetro nei sacchetti del multimateriale, così come non va bene conferire il vetro chiuso nel sacchetto di plastica. È sufficiente recarsi alle isole con il sacchetto, rovesciarlo nell’apposito contenitore dedicato al vetro e poi riprendersi il sacchetto e riutilizzarlo per altri conferimenti oppure buttarlo direttamente nel Garby della plastica. Stessa accortezza bisogna averla per la carta: la carta va solo con la carta. Quindi possiamo gettarla sfusa, oppure chiusa in sacchetti di carta. Sono accorgimenti necessari per avere una raccolta differenziata di qualità e per abbattere i costi di smaltimento”.

Di rifiuti e di Sistema Ambiente si è parlato anche oggi (9 giugno) nell’apposita commissione partecipate, convocata per parlare del tema delle sanificazioni durante l’emergenza Covid, ma che si è naturalmente allargata alla complessiva attività dell’azienda.

Fra le principali notizie l’annuncio, da parte di Caterina Susini, dell’acquisto da parte di Sistema Ambiente di un sistema di sanificazione che possiede 11 certificazioni Iso ed è anche stato certificato come Covid-abbattente. Sarà utilizzato in particolare per la sanificazione dei mezzi aziendali in azione ed eventualmente per la sanificazioni di ambienti pubblici. Anche se non necessariamente per le scuole: “Per intervenire negli edifici scolastici – ha detto Susini – dovremmo essere messi in concorrenza con altri e ci sarà un bando ad hoc. Solo dopo l’aggiudicazione potremo intervenire”.

Il consigliere di centrodestra Marco Martinelli, dopo aver ascoltato la relazione sulla sanificazione durante il Covid (sospensione dello spazzamento meccanizzato a favore del lavaggio delle strade e particolare attenzione per il trattamento dei rifiuti per i pazienti Covid) ha chiesto la presentazione in un eventuale piano di sanificazione per il futuro qualora si dovessero ripresentare problemi di nuovi contagi. Ha inoltre chiesto le cifre dell’aumento dei costi della raccolta nei mesi dell’emergenza e particolari rassicurazioni nell’utilizzo dei mastelli a tutela degli operatori e degli utenti.

Il consigliere del Movimento Cinque Stelle, Massimiliano Bindocci ha chiesto notizie sulle novità per la raccolta differenziata in periferia che vedranno raccolte separate per vetro e multimateriale. L’assessore Raspini ha detto che, vista l’emergenza, non saranno fatte assemblee pubbliche per la presentazione ma una campagna di comunicazione con i mezzi tradizionali per arrivare capillarmente a tutte le famiglie. Appalti e aste pubbliche verranno fatte per individuare i recuperatori del vetro e del multimateriale per poi portarli ai centri di riciclo e recupero. Quanto alla raccolta Bindocci ha stigmatizzato il fatto che le maestranze saranno coinvolte solo dopo l’annuncio della modifica del servizio e non prima.

Raccolta differenziata, mini-rivoluzione in periferia: sacchetti per la raccolta del multimateriale

La commissione si è chiusa con una richiesta di calendarizzazione di incontri con le società paertecipate da parte del consigliere Marco Martinelli. Il presidente Cantini ha chiesto di programmarle per settembre, al ritorno dell’assessore competente, Giovanni Lemucchi, convalescente per motivi di salute, scatenando la reazione di Martinelli e Bindocci che hanno chiesto la convocazione urgente almeno degli appuntamenti con Lucca Crea, in vista delle decisioni su Comics, e su Geal.

Quanto alle questioni dei rifiuti per richieste di chiarimento, dubbi, ritiri della tessera o altre necessità è sempre possibile contattare Sistema Ambiente tramite i canali social (pagina Facebook e profilo Instagram); oppure per telefono: 0583.343645; 0583.33211; 800275445; email: infoa@sistemaambientelucca.it. Ulteriori info anche sul sito: www.sistemaambientelucca.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.