Quantcast

Al via i centri estivi anche per bimbi da 0 a 3 anni, voucher per le famiglie

Otto i nidi che svolgeranno le attività nel territorio del comune di Lucca

Come annunciato dall’assessora Ilaria Vietina partono i centri estivi per i bambini da 0 a 3 anni anche nel Comune di Lucca, con voucher alle famiglie per il pagamento delle rette.

Con la dase 2 si sono consentite l’organizzazione e lo svolgimento di attività educative e di socializzazione per bambini e adolescenti durante i mesi estivi, naturalmente rispettando le linee guida per la gestione in sicurezza delle attività.

Nel Comune di Lucca saranno otto gli asili che permetteranno ai bambini di fare attività ludica all’interno dei propri spazi, grazie alla gestione delle cooperative La Luce e Infanzia servizi srl.

Gli asili autorizzati sono: Nido Il Seme (S.Anna – via Matteotti), dal 29 giugno al 31 luglio con un costo di 150 euro alla settimana; Nido Pulcino e spazio gioco Giardino Farfalle (S. Vito – via Chiasso Barletti) 215 euro alla settimana; Nido Arcobaleno e Spazio Gioco Aquilone (S. Marco – via Salicchi), 215 euro settimanali; Nido Scoiattolo (Centro Storico, Piazzale S. Donato), 215 euro settimanali; Nido Acquario e Spazio gioco Coccinella (S. Concordio Piazzale Aldo Moro 135), 215 euro settimanali; Nido Gulliver (Ponte a Moriano – via Volpi 167), 215 euro; Nido Kiriku (La Cappella – via Comunale 179), 280 euro per 7 moduli.

Voucher a copertura dei costi di iscrizione L’amministrazione si fa carico del costo che le famiglie iscritte ai nidi d’infanzia e agli spazi gioco comunali dovrebbero sostenere per la frequenza dei centri estivi 0-3 anni a titolo di pagamento delle rette settimanali (escluso quindi il costo del pasto, che, ove previsto, resta a carico delle famiglie) e di farsi ugualmente carico dei costi che le famiglie dei bambini iscritti ai servizi educativi 0-3 a titolarità privata, residenti sul territorio del Comune di Lucca, dovrebbero sostenere per la frequenza dei centri estivi, a condizione che il servizio non sia stato previsto come gratuito dagli stessi titolari dei nidi privati.

Il costo dell’intervento di sostegno alle famiglie iscritte ai servizi educativi a titolarità comunale, per la frequenza dei centri estivi, viste le tariffe indicate dai gestori ed il numero di posti disponibili, è stimato in 330mila euro. Il costo dell’intervento di sostegno alle famiglie iscritte ai servizi educativi a titolarità privata per la frequenza dei centri estivi, stante le tariffe indicate dai gestori ed il numero di posti disponibili, è stimato in 57300.

Per il finanziamento dell’intervento di sostegno alla famiglie iscritte nei servizi educativi a titolarità comunale, possono essere utilizzate, nell’importo massimo di 240.980 euro, le risorse provenienti dal Fondo nazionale per il Sistema integrato di educazione e istruzione, di cui all’articolo 12, comma 3, del decreto legislativo 65/2017 assegnate al Comune di Lucca con delibera dalla Regione Toscana.

“L’anno educativo 2019/2020 si è bruscamente interrotto il 5 marzo scorso – commenta l’assessora alle politiche formative, Ilaria Vietina – Durante questo lungo periodo abbiamo cercato di rimanere, per quanto possibile, in contatto con le famiglie e con i bambini. Non appena ci è stato possibile, abbiamo deciso di tornare alle attività in presenza: subito con i centri estivi 3-14 anni e ora con i centri estivi per la prima infanzia, 0-3 anni. Questi centri sono riservati, in via prioritaria, ai bambini iscritti nei rispettivi servizi 0-3 nell’anno educativo 2019/2020”.

Sul sito del Comune di Lucca le famiglie possono trovare l’elenco dei centri estivi e i relativi progetti che i due gestori dei servizi educativi per la prima infanzia, Cooperativa sociale La Luce e Infanzia Servizi srl, hanno organizzato per la riattivazione dei centri estivi 0-3 anni. Per ogni progetto, inoltre, sono riportati anche i contatti per effettuare l’iscrizione.

Per quanto riguarda i nidi privati, invece, il Comune di Lucca erogherà un contributo in base alle soglie Isee. Il riconoscimento per l’iscrizione è subordinato ai seguenti requisiti: residenza nel Comune di Lucca (fa fede la residenza del minore iscritto ai centri estivi); età compresa tra i 12 mesi e i 3 anni; valore dell’indicatore Isee fino a 30mila euro (sarà utilizzabile un’attestazione Isee ordinaria o corrente in corso di validità oppure, per quei nuclei non in possesso di un Isee 2020, anche un’attestazione scaduta nel 2019) per beneficiare del 100 per cento dell’importo standard; valore dell’indicatore Isee superiore a 30mila euro per beneficiare del 50 per cento dell’importo standard.

Per informazioni ci si può rivolgere direttamente ai gestori dei servizi, ai contatti indicati sui progetti o ad Aurora Pardini e-mail apardini@comune.lucca.it, cellulare 366.9357852; Elena Bianucci email  ebianucci@comune.lucca.it – cellulare 366.9356335.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.