Mammini: “Vogliamo valorizzare il patrimonio verde di Lucca” foto

In tanti al nuovo incontro partecipativo verso il nuovo piano operativo

“Vogliamo migliorare e integrare i modelli di fruizione del verde che la nostra città ha ricevuto in dote: dal parco fluviale al sistema delle colline con i suoi paesaggi, dal percorso lungo l’acquedotto del Nottolini fino all’anello urbano delle Mura: aree che meritano cura, rispetto ambientale e valorizzazione culturale”. Così l’assessore all’urbanistica Serena Mammini, nel corso del secondo laboratorio partecipato verso il piano operativo di sabato (27 giugno).

Un appuntamento tutto dedicato ai parchi territoriali e alle aree naturalistiche dopo il primo incontro sullo spazio pubblico. Più di trenta cittadini si sono collegati per condividere proposte e idee che orienteranno le scelte del nuovo strumento urbanistico. Abitanti rappresentativi di diversi quartieri, paesi e frazioni, ma anche di associazioni e comitati, che nei giorni successivi a ciascun incontro ricevono un report della discussione condotta durante il laboratorio, da integrare ed eventualmente modificare prima della condivisione sul sito del Comune di Lucca: a breve verrà pubblicato quello sullo spazio pubblico. Dalla sessione plenaria iniziale, i partecipanti si sono spostati in quattro stanze di laboratorio, ciascuna facilitata da una professionista di Cantieri Animati e seguita, per ogni chiarimento necessario, anche dalle figure tecniche che stanno costruendo il piano. Su richiesta dei cittadini che avevano partecipato al primo incontro è stato scelto di riservare al confronto nei gruppi un tempo maggiore, prima della plenaria conclusiva di restituzione del lavoro svolto. Ancora una volta il pianoforte di un partecipante ha fatto da sottofondo alla breve pausa caffè che ha interrotto per 15 minuti i lavori.

“Con il piano strutturale abbiamo riconosciuto l’impronta ecologica che qualifica il territorio comunale e scritto regole di tutela per parchi, aree umide, agricolture, boschi. Adesso – commenta Serena Mammini – dobbiamo disegnarne lo sviluppo. Definire un sistema di spazi da vivere, parentesi sane per rigenerarsi da un quotidiano sempre più frenetico. Ringrazio tutti i cittadini che hanno dedicato il loro tempo al futuro di Lucca”.

Il percorso partecipativo prosegue con l’ultimo laboratorio, ancora in videoconferenza online. Si riprende, quindi, sabato 11 luglio, sempre dalle 10 alle 13, per un focus sull’area dell’ex scalo merci e il mercato di Pulia. L’iscrizione, gratuita, è riservata a un massimo di 40 persone. Questo il link: (clicca qui).

È possibile partecipare online al piano operativo, strumento per trasformare in regole chiare le scelte definite dal piano strutturale. Per lasciare una proposta, un’opinione, un’idea per migliorare la città è possibile compilare il modulo online (clicca qui). Infine, sempre nell’ottica di coinvolgere la città, è online il questionario “Lucca, come va?”, per raccogliere contributi, visioni e pareri sulla percezione dello spazio dopo l’esperienza del lockdown. Dati utili per disegnare il futuro di centro storico, quartieri, paesi e frazioni attraverso il Piano operativo del Comune di Lucca (clicca qui).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.