Scuole, un’estate per adeguarsi alle misure anti-covid: oltre due milioni per i lavori in provincia di Lucca

Le cifre stanziate dal Miur saranno ripartite tra 38 scuole di primo ciclo e 16 istituti superiori: ecco tutti gli stanziamenti

Oltre 2 milioni e 144 mila euro ripartiti tra 54 istituti comprensivi e istituti superiori del territorio della provincia di Lucca. Sono queste le cifre stanziate dal Miur per l’adeguamento strutturale per la ripartenza dell’anno scolastico a settembre dopo l’emergenza coronavirus. I numeri sono calcolati a partire dal numero degli iscritti, ma anche da altri indici che prendono in considerazione il grado di disagio in cui versa ogni singola struttura. In particolare i fondi saranno destinati a 38 scuole di primo ciclo e a 16 scuole di secondo ciclo. A queste si aggiunge il finanziamento al Centro provinciale istruzione adulti di Sant’Anna.

Ad ogni istituto andranno in media oltre 40 mila euro vincolati a specifici lavori di riadattamento delle strutture. A superare la media sono soprattutto gli investimenti per le scuole superiori, prima tra tutte il Polo scientifico tecnologico Fermi con oltre 143 mila euro. Subito dopo troviamo gli istituti superiori Marconi e Artiglio di Viareggio con finanziamenti che superano quota 80 mila. C’è poi l’istituto superiore di Barga con 79 mila 678 euro al quale fanno seguito il liceo artistico musicale Passaglia con oltre 77 mila euro e l’istituto Carrara Nottolini Busdraghi con oltre 70 mila euro.

Tabella scuole Provincia di Lucca

Cifre consistenti saranno destinate anche all’Isi Pertini (57 mila euro), al Machiavelli (53 mila 631 euro), al Vallisneri (53 mila 285 euro), al Chini Michelangelo di Camaiore (52 mila 405 euro) e all’istituto superiore di Castelnuovo Garfagnana (50 mila 137 euro). In coda alla classifica degli istituti superiori troviamo l’Isiss della Piana di Lucca con 39 mila 139 euro, il Don Lazzeri di Pietrasanta con 36 mila 759 euro, l’istituto superiore Piaggia di Viareggio con 35 mila euro, il Barsanti e Matteucci di Viareggio con 29 mila 660 euro e il Carducci con 26 mila 750 euro.

Per quanto riguarda gli istituti comprensivi in testa alla classifica troviamo quello di Lucca 2 con oltre 51 mila euro, seguito da Lucca 6 e Carlo Piaggia con oltre 45 mila euro e dall’istituto comprensivo di Altopascio con 42 mila 361 euro. Intorno ai 30 mila euro si aggirano le cifre destinate dal Miur alle altre scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado della Provincia di Lucca.

Fra le voci di spesa più attese ci sono quelle dell’adattamento degli spazi interni ed esterni e la loro dotazione allo svolgimento dell’attività didattica in condizioni di sicurezza, inclusi interventi di piccola manutenzione, ritinteggiatura e decoro della scuola e di miglioramento degli spazi verdi, di pulizia straordinaria e sanificazione, nonché interventi di realizzazione, adeguamento e manutenzione dei laboratori didattici, delle palestre, di ambienti didattici innovativi, di sistemi di sorveglianza e dell’infrastruttura informatica. Si parla però anche di acquisto di servizi professionali, formazione e di assistenza tecnica per la sicurezza sui luoghi di lavoro, didattica a distanza, assistenza medico–sanitaria e psicologica, servizi di lavanderia, rimozione e smaltimento di rifiuti, acquisto di dispositivi di protezione e di materiali per l’igiene individuale e degli ambienti, acquisto dispositivi digitali e interventi in favore della didattica degli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento ed altri bisogni educativi speciali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.