Manifattura sud, Italia Nostra: “Progetto di Coima e Fondazione è arrogante”

L'associazione ambientalista: "Una mancanza di rispetto verso la città ed il suo patrimonio"

“Il progetto a firma Coima, di cui in questi giorni si discute, è talmente arrogante da non credere possibile che qualcuno lo abbia semplicemente pensato e proposto”. È Italia Nostra a lanciare nuovi strali sul progetto.

“Con una candidezza disarmante il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Marcello Bertocchini – dice l’associazione ambientalista – dice che la gestione di un baluardo delle mura, di quelle mura che sono il bene storico ed architettonico più importante della città e che appartiene da sempre ai cittadini, sarà gestito da un privato, che ci pianterà alberi, ci installerà sedute trendy, aree per lo sport, punti di ristoro, servizi, installazioni d’arte e magari organizzerà l’aperitivo alle 18 per i condomini dei numerosi appartamenti con grandi finestre sulle mura che costruirà e venderà molto bene, perché saranno collegati con una passerella al baluardo San Paolino“.

“Basta solo pensare – prosegue la nota – a questo ipotizzato collegamento (per tacere di tutto il resto) per comprendere quale mancanza di rispetto verso la città ed il suo patrimonio sia insita nell’ipotesi di project: ex Manifattura Tabacchi e cinta muraria, non hanno, sotto alcun aspetto, alcunchè che li renda “accomunabili” e pensare di unire due monumenti così estranei fra loro è culturalmente inqualificabile, indegno di una città come Lucca. Ma i cittadini sono stati interpellati? O si dà per scontato che siano sommamente ingenui e disattenti? E ancora, all’esito, ne saranno contenti? Questo né il sindaco, né l’assessore Serena Mammini, né il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Bertocchini, né Coima, che in quanto ente privato deve necessariamente fare affari, se lo chiedono”.

“I cittadini – prosegue – non permetteranno per nessun motivo che un privato gestisca un baluardo, anche se fosse soltanto per la manutenzione del verde. Le mura con tutti gli spalti intorno sono un monumento vincolato, ossia sono un bene di particolare interesse storico e artistico (decreto legislativo 42/2004 ex legge 1089/39), tutelate anche per il loro interesse pubblico (decreto legislativo 42/2004 ex legge 1497/39), e sono di proprietà dei cittadini per cui solo e soltanto le amministrazioni pubbliche, Comune e Soprintendenza, devono occuparsi della loro gestione”.

“Abbiamo letto dai giornali – prosegue – che la soprintendente Acordon, non ha ancora visto il progetto, ossia l’amministrazione comunale non glielo ha ancora presentato: questa circostanza è davvero strana, dato che la data del 20 maggio (pur prorogabile) era formalmente prevista come termine entro cui il Comune avrebbe dovuto valutare la ‘fattibilità’ della proposta Coima/Studio Rocco e Puccetti, per indire la gara e inserire la proposta negli strumenti di progammazione approvati dall’amministrazione giudicatrice. E la Soprintendenza quando avrebbe dovuto vedere la proposta? A cose fatte?”.

“Sarebbe grave – prosegue Italia Nostra – non conoscere le procedure di approvazione di una richiesta di affidamento di un bene vincolato e quella di approvazione di un progetto al riguardo, richieste che devono essere autorizzate dalla Soprintendenza che potrebbe bocciare l’ipotesi per intero o in parte. Od ancor peggio pensare di poter in qualche modo oltrepassare l’ente preposto alla tutela. La manifattura è un edificio vincolato e ha una dimensione molto grande: una amministrazione capace avrebbe dovuto realizzare un ‘piano attuativo’ interpellando i cittadini ed, alla luce di un confronto, stabilire quali fossero le necessità ‘vere’ della nostra città, e da lì realizzare un progetto. Solo all’esito avrebbe dovuto coinvolgere i privati, non lasciando decidere a questi cosa faceva più comodo a loro, ma facendo al contrario un percorso virtuoso come normalmente intrapreso da tutte le amministrazioni pubbliche d’Italia. Sfortunatamente ciò non è avvenuto, il Comune non si è chiesto cosa serviva a Lucca per il suo futuro o meglio, in epoca pre-Covid circolava l’idea balzana, secondo la quale la città dovesse essere ‘un palcoscenico’ – così scrisse l’assessore alla cultura in risposta ad un documento di Italia Nostra – ossia una città dedita completamente al turismo e agli eventi. Con buona pace proprio di quei turisti (e conseguentemente del commercio), che scelgono Lucca perché ancora serba un minimo di vita urbana autentica e rasserenante e, su suggerimento del New York Times, la preferiscono a Firenze”.

“In riferimento alle affermazioni della Fondazione Cassa di Risparmio pubblicate da Lucca in Diretta il 4 luglio – dice l’associazione – vogliamo ribadire che la proposta di ‘rigenerazione urbana’ di cui parla il direttore Bertocchini non tiene conto dei bisogni della città e soprattutto deve essere autorizzata preventivamente dalla Soprintendenza che, per ora, non si è potuta pronunciare. Infatti la cessione della gestione di un bene tutelato, in questo caso Manifattura e Mura Urbane, deve essere preventivamente autorizzato dallo Stato che decide come è opportuno utilizzare il bene, se il progetto è compatibile e provvedere alla eventuale approvazione. Il Comune non ha potere decisionale sul progetto se non la verifica urbanistica e le decisioni che spettano alla proprietà”.

“Oggi la preoccupazione del sindaco e dell’assessore alla cultura – dice ancora la nota – sembra invece rivolta solo al fatto che, non essendo in grado di reperire finanziamenti e non riuscendo l’amministrazione a gestire i grandi contenitori, sarebbe una grande occasione cederli ai privati che possano fare i loro affari: parcheggi, negozi, appartamenti con giardino/baluardo di corredo. Ma per quale motivo si deve realizzare una finta ‘cittadella’ con nuovi negozi, appartamenti, piazze coperte e scoperte a mo’ di centro commerciale e non ci si preoccupa del centro storico dove i negozi chiudono e i cittadini, man mano scappati, non tornano ad abitare? Perché non ci si chiede con quali politiche possa fronteggiarsi un simile dramma, che coinvolge tutti, abitanti e commercianti?”

“Questo progetto non è solo arrogante – conclude Italia Nostra – è anche estremamente dannoso per la città ed è stato gestito in modo poco istituzionale e con una ‘disinvoltura’ pericolosa. In Italia si può fare quasi tutto, ma bisogna saperlo fare e soprattutto avere la capacità culturale e il rispetto delle istituzioni“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.