Emergenza coronavirus, il Comune ringrazia il mondo del volontariato foto

Nel giardino di Palazzo Orsetti il confronto con l'amministrazione comunale

Il sindaco Alessandro Tambellini, e gli assessori alla protezione civile e al sociale Francesco Raspini e Valeria Giglioli con il comandate della polizia municipale Maurizio Prina hanno incontrato oggi (17 luglio) nel giardino di Palazzo Orsetti i rappresentanti delle associazioni che stanno lavorando da quasi cinque mesi al Centro operativo comunale di Protezione Civile, ancora aperto e – nonostante la fase fortemente decrescente dell’epidemia – attivo nel seguire l’evolversi dell’emergenza sanitaria che nel nostro Paese non è ancora conclusa.

“Il vostro impegno è stato fondamentale per superare la fase acuta dell’emergenza – ha dichiarato il sindaco Tambellini – purtroppo leggiamo e ascoltiamo valutazioni e previsioni contrastanti sul futuro dell’epidemia, ma sappiamo che a Lucca siamo organizzati, preparati e dobbiamo vigilare attraverso l’informazione e i comportamenti responsabili per limitare il rischio di nuove recrudescenze. Non mi stanco di invocare continuamente prudenza e il rispetto delle misure di prevenzione. Grazie di cuore perché sappiamo che la Protezione Civile non abbassa la guardia e rimare sempre al fianco dei cittadini e delle istituzioni”.

 

All’incontro hanno preso parte i rappresentanti della Croce Verde Pubblica Assistenza di Lucca, Caritas Diocesana, Fondazione Casa Lucca, Gvai Gruppo Volontari Accoglienza Immigrati, Comunità di Sant’Egidio, Croce Rossa Italiana, Misericordia di Lucca, L’azionda pubblica di servizi alla Persona Carlo Del Prete, Cooperativa Sociale l’Impronta, Casa della Carità, Anpana Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente, Valpac Protezione Ambientale Civile Valfreddana, Valpac radioclub,Croce Verde di Ponte a Moriano, Cisom- Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta, Chiesa Valdese, Parrocchia del Centro Storico di Lucca, Ceis – Gruppo Giovani e Comunità, Onda Espressiva.

Fra le attività che hanno contraddistinto la fase più acuta dell’emergenza il Centro Operativo Comunale attraverso i volontari delle associazioni si è distinto per la continua opera di informazione e assistenza alla popolazione per l’attuazione delle norme contenuti in decreti e ordinanze, per il reperimento l’imbustamento e la distribuzione dei dispositivi di sicurezza (mascherine), aiuto a perone isolate o anziane, consegna a domicilio di spesa e farmaci; informazioni e compilazione delle domande per i buoni spesa, organizzazione di spazi diurni e dormitori straordinari per il controllo di persone senza fissa dimora, aiuto e monitoraggio alle persone in quarantena o positive, supporto per lo smaltimento dei rifiuti domestici per persone isolate. Supporto per la chiusura dei parchi pubblici e delle Mura con affissione di materiale informativo, controllo del territorio.

 

Al 15 luglio i giorni di apertura del Centro Operativo di Protezione Civile sono 126; i turni di supporto sono stati 206 e hanno visto un totale di 492 presenze oltre ai dipendenti comunali. Le chiamate telefoniche sono state oltre 7000, 264 i volontari impiegati con 42 mezzi impiegati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.