Contratto tpl, Mobit: “Ennesima forzatura della Regione”

Il Consorzio: "Un provvedimento che scavalca ancora una volta l'esito dei tribunali amministrativi"

Firma del contratto di servizio per il tpl con Autolinee Toscane, Mobit va all’attacco.

Le aziende del consorzio, partecipante alla gara, che riunite nel consorzio One assicurano tutt’ora lo svolgimento del servizio, rilevano “l’ennesima forzatura da parte della Regione che, stravolgendo la procedura di gara, intende affidare la gestione del servizio ad Autolinee Toscane senza aspettare l’esito del giudizio al Consiglio di Stato, udienza fissata per l’8 ottobre prossimo, sulla legittimità dell’aggiudicazione ad Autolinee Toscane stessa e a prescindere da tale esito”.

“Il tutto – sostengono – con l’evidente scopo, da perseguire prima della scadenza del mandato dell’attuale giunta e del suo presidente, di costituire una situazione di fatto che superi quella di diritto, senza la benché minima giustificazione sul piano dell’interesse pubblico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.