Pronto soccorso di Lucca, l’allarme Uil Fpl: “Mancano i medici”

Il sindacato denuncia la situazione del personale sanitario negli ospedali del territorio e chiede risposte immediate

“Al pronto soccorso di Lucca e Versilia mancano troppi medici”. Così la segreteria provinciale della Uil Fpl fa il punto della situazione negli ospedali del territorio, denunciando la mancanza di personale sanitario.

“Mancano così tanti medici che in Versilia non è neppure possibile garantire le ferie. A Lucca ci siamo riusciti ma con una manovra ‘lacrime e sangue’, di sacrifici che ovviamente ricadono su chi resta in servizio -spiega la Uil Fpl -. La questione della mancanza di personale nei pronto soccorso si trascina da anni ma non siamo mai riusciti ad avere un tavolo di confronto, concertazione e contrattazione. Non esiste di fatto un modello unico organizzativo in tutta l’Usl Toscana nord ovest che pure ha ben 12 pronto soccorso sparsi sull’area di competenza su cui costruire il piano di gestione delle risorse umane. E al tempo stesso è bloccato dal 2008 il ‘passaggio’ nel ruolo Usl dei medici del 118: a oggi, infatti, buona parte di quelli in servizio sono solamente convenzionati. E’ chiaro che renderli dipendenti dell’Asl darebbe un bel contributo alla carenza organica e strutturale dei medici dei pronto soccorso”.

La Uil Fpl di Lucca individua la strada rispetto al passato: definire questo modello organizzativo ma al tempo stesso disporre anche una differente progettualità nei vari pronto soccorso. “Pensare che bastava fare il ‘copia e incolla’ dei documenti redatti da importanti società scientifiche nazionali  che operano nel settore dell’emergenza e i cui rappresentanti sono proprio medici dell’Azienda Usl Toscana nord ovest. A dimostrazione dei problemi cronici nella gestione del personale dei Pronto soccorso ci sono i numeri – riporta la Uil Fpl -. Prima di tutto gli accessi degli utenti: quelli consolidati del 2017, ad esempio, evidenziano un totale su Viareggio di circa 79 mila accessi, con il picco di 8 mila 864 ad agosto, nella stagione estiva. Solo al San Luca, sempre nel 2017, oltre 55 mila accessi e altri 15 mila circa a Castelnuovo. Numeri che richiedono adeguate contromisure in termini di personale”.

“E invece da sempre siamo in emergenza costante – prosegue la Uil Fpl – perché l’azienda da oltre dieci anni ha preferito procedere con assunzioni tramite contratti a tempo determinato, convenzioni, medici a rapporto precario. Noi, come sindacato, abbiamo chiesto più e più volte il riordino e l’assunzione a tempo indeterminato, abbiamo battuto i pugni sul tavolo ma mai si è arrivati a tale risoluzione. Poco personale e caos nella gestione dei Pronto soccorso che hanno portato a tensioni sempre maggiori nei rapporti con gli utenti, fino a sfociare in vere e proprie aggressioni fisiche e verbali a danno degli operatori. A Viareggio mancano 5 medici, a Lucca uno e questo  tra malattie e pensionamenti. Aggiungiamo i diritti da rispettare: legge 104, aspettative, ferie. I pronto soccorso sono quindi in emergenza, anche se con dinamiche differenti: a Lucca il medico è obbligato a 6 notti di guardia al mese. A tutto ciò si aggiunge anche la cancellazione dell’orario svolto in  eccesso che è pratica ordinaria a Lucca da oltre 20 anni  che non consente l’adeguata ricostruzione delle reali carenze di organico a cui si associa il costante ricorso ad attività incrementale con ore di straordinario. Servono risposte  e servono subito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.