Lucca, contributi a fondo perduto per smaltire l’amianto

La graduatoria sarà stilata in base alla dichiarazione Isee

E’ stata approvata la concessione fondo perduto di contributo alle utenze domestiche per la rimozione e lo smaltimento di modesti quantitativi di materiali che contengono amianto. Ai fondi messi a disposizione dal Comune di Lucca sarà possibile accedere tramite bando pubblico. La graduatoria sarà stilata in base alla dichiarazione Isee familiare.

L’amianto è infatti un contaminante ambientale classificato dall’Organizzazione mondiale della sanità come agente cancerogeno per l’uomo, vista la pericolosità data dalla capacità dei materiali di rilasciare fibre potenzialmente inalabili. L’amministrazione comunale già a partire dal 2008 aveva avviato e promosso in via sperimentale, un servizio gratuito per il ritiro e smaltimento di materiali contenenti amianto di piccole dimensioni rivolto ai cittadini proprietari di immobili o manufatti con coperture o accessori in materiali contenenti cemento-amianto per incentivare gli utenti a disfarsene e scongiurare abbandoni incontrollati sul territorio. Per questo il Comune ha deciso di continuare il processo di incentivazione allo smaltimento di piccole quantità di amianto, concedendo anche per l’anno 2020 un incentivo direttamente al cittadino, per le utenze domestiche, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.